venere come la terra

Il pianeta Venere non è sempre stato una palla inospitale con nuvole tossiche e un effetto serra che scalda la superficie coperta di vulcani fino a 400° C. Infatti, gli scienziati della NASA sostengono che per tre miliardi di anni è stato un mondo con un clima temperato ricco di oceani come la Terra, nonostante la sua vicinanza al Sole.

La sconvolgente notizia emerge da uno studio condotto da Michael Way, del Goddard Space Flight Center della NASA, il quale a Ginevra ha permesso alla comunità scientifica riunita di riconsiderare le attuali credenze sugli esopianeti esterni al Sistema Solare che orbitano molto vicini alle loro stelle madri.

 

Venere: secondo la NASA il pianeta era abitabile come la Terra

Eppure qualcosa di simile fu ipotizzato già negli anni 70′, quando una sonda NASA della missione Pioneer Venus scovò indizi di antichi oceani sulla superficie. Tutte le simulazioni dei ricercatori portano alla stessa conclusione, e cioè che Venere ha avuto temperature comprese tra i 20 e i 50 gradi e un oceano profondo in media 310 metri. Per una durata di 3 miliardi di anni!

Leggi anche:  Nasa: rivelato dopo una siccità lo "Stonehenge spagnolo"

Le simulazioni in laboratorio puntano altresì a una teoria per cui il pianeta avrebbe un clima temperato ancora oggi, se non fosse che 700 milioni di anni fa furono liberati nell’atmosfera grandi quantità di CO2 da attività vulcanica. Quella catastrofe configurò il Venere che conosciamo oggi, e fu il gas intrappolato nelle rocce che si liberarò attraverso il magma a trasformare il pianeta.

Tuttavia, le implicazioni scientifiche di questa scoperta rimettono in discussione le teorie sui pianeti esterni al Sistema Solare che si trovano vicini alla loro stella, i quali a questo punto potrebbero ospitare acqua liquida e un clima temperato.