Honor magicbook 2019 windows linux

La guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti è sfociata, ormai da qualche mese, nel famoso Ban. Il presidente Donald Trump ha di fatto chiuso ogni forma di collaborazione tra le aziende Americane e Huawei/Honor.

Questo si è tradotto anche nel blocco della fornitura di servizi tech come i sistemi operativi. Se i Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro sono arrivati sul mercato con Android 10 ma senza le GApp preinstallate, diversa è la situazione per il mercato PC.

I problemi di Huawei ovviamente si sono riversati anche sulla controllata Honor. Il brand infatti ha presentato oggi il nuovo MagicBook 2019 ma con una sorpresa. Il sistema operativo preinstallato è Linux e non il solito Windows.

Ecco quindi che dopo Honor MagicBook Pro anche il MagicBook 2019 si unisce al club Linux. In particolare si tratta della versione Ryzen, quindi caratterizzata dalla presenza dei componenti SoC AMD.

Honor MagikBook 2019 abbraccia Linux

In particolare, MagicBook 2019 si colloca in una fascia di prezzo più bassa rispetto alla controparte Windows. I prezzi in madrepatria si aggirano intorno ai 550 euro considerando il processore Ryzen 5, gli 8GB di RAM e i 256GB di SSD. La stessa identica configurazione con Linux invece, costa circa 50 euro in meno. I prezzi si intendono sempre valutati rispetto al cambio attuale.

Leggi anche:  Huawei presenta Smart City Alliance a Roma

In Cina, Honor MagicBook 2019 nella configurazione Ryzen è già disponibile per l’acquisto. Anzi, tutti i dispositivi disponibili sono già stati venduti poco dopo l’inizio della commercializzazione. Al momento Honor non ha comunicato quando lo stock verrà rifornito, quindi potrebbero volerci alcuni giorni se non settimane.

In ogni caso, il ban non ha spaventato Huawei. Il produttore non ha smesso di produrre laptop scegliendo di adottare Linux come alternativa a Windows. Al momento il brand ha già presentato e lanciato il  Matebook X Pro, Matebook 13 e Matebook 14 e altri dispositivi potrebbero arrivare da qui a fine anno.