huawei-mate-30-pro-render

Dopo tante anticipazioni, indiscrezioni e rumor, finalmente arriva una certezza per quanto riguarda la famiglia Mate 30. I device realizzati da Huawei saranno presentati ufficialmente il prossimo 19 settembre. Il colosso cinese quindi non aspetterà IFA 2019 ma terrà un evento a Monaco, in Germania.

La conferma arriva direttamente da Huawei stessa tramite Twitter, dove l’azienda ha pubblicato il poster e un teaser. Il breve video che mostra la data e il luogo dell’evento è caratterizzato anche dalla presenza di un cerchio.

Questa anticipazioni sarebbe da collegare al nuovo comparto fotografico presente sui device. Huawei abbandonerà la placca posteriore quadrata per abbracciare quella tonda. La posizione delle fotocamere resterà quadrata, ma saranno inserite in una cornice tonda. Il design sarà quindi simile a quello mostrato nella foto di apertura.

Per quanto riguarda i sensori che saranno utilizzati sui Huawei Mate 30 e 30 Pro, al momento non ci sono molte informazioni. Le ottiche principali saranno da 40 megapixel, sviluppate in collaborazione con Leica. La particolarità è che i terminali potrebbero optare per la presenza di due ottiche principali.

Leggi anche:  Xiaomi potrebbe presto svelare una nuova gamma di occhiali in Cina

La famiglia Huawei Mate 30 è pronta al debutto

Il processore presente sarà il Kirin 990 accompagnato da almeno 6GB di memoria RAM. Non mancherà il lettore delle impronte integrato nel display, lo sblocco con il volto attraverso un sensore IR e la ricarica wireless a 25W.

La novità più interessante dei Huawei Mate 30 è che, secondo le ultime indiscrezioni, non saranno equipaggiati con Android e non potranno utilizzare le Gapp e Google Play Store. Questa situazione è legata al Ban imposto dagli Stati Uniti a Huawei, che quindi si ripercuote sui device di nuova generazione.

Per questo motivo, la commercializzazione in Europa e negli USA potrebbe avvenire soltanto quando i lavori su Harmony OS saranno completati. Almeno inizialmente i Huawei Mate 30 e 30 Pro saranno commercializzati esclusivamente in Cina in attesa di una evoluzione della situazione politica.