Monopattini elettrici: sono davvero così ecologici e anti-inquinamento?

Le tante e nuove norme che stanno portando gli utenti a non sapere sempre più quando utilizzare i loro monopattini elettrici, non sono il solo grattacapo attuale. Infatti, dopo le tante accuse arrivate dall’amministrazione di Parigi in seguito al boom dei famosi e-scooter, è arrivato uno studio a rendere tutto più controverso.

Si tratta di uno studio su Environmental Research Letters che si è concentrato precisamente sulla sostenibilità in merito al ciclo di vita del monopattino. In poche parole, fin quando funziona, un monopattino può sicuramente evitare di inquinare, ma quando non funzionerà più?

 

I monopattini elettrici sono inquinanti, ma quando si rompono come vengono smaltiti?

Alcuni ricercatori dell’Università della Carolina del Nord hanno portato avanti uno studio sull’impatto ambientale riguardo ai monopattini elettrici. Ad essere presi in considerazione sono stati i materiali e la longevità media. 

Leggi anche:  Diesel contro Tesla: ecco la verità sulle emissioni e l'inquinamento

Il gruppo ha elaborato i dati in merito all’inquinamento del prodotto, ma non quando è in funzione (visto che essendo elettrico non inquina), ma quando dovrà essere smaltito. Si è dunque tenuto conto della ricarica delle batterie, della raccolto e dello smaltimento dei monopattini stessi.

Infatti secondo lo studio, i monopattini elettrici inquinerebbero meno di un’auto elettrica ma più di un autobus diesel imbottigliato nel traffico. Questa deduzione avviene proprio in base ai criteri su riportati. Siete dunque sicuri di fare bene all’ambiente usando i vostri simpatici mezzi elettrici?