5g-europa-ritardi-huawei

La guerra commerciale, che forse ha preso una svolta in una direzione che dovrebbe essere la fine, tra Stati Uniti e Cina non sta colpendo non solo queste parti. Questo era un ovvietà, ma uno delle maggiori compagnie di telecomunicazioni della Svezia sta spiegando come tale guerra sta influenzando l’espansione in Europa della nuova rete 5G, o meglio dell’infrastruttura dedicata a questa nuova rete. Si tratta di Tele2 ovvero la seconda più grande compagnie svedese che opera anche nei paesi baltici.

 

La rete 5G e la guerra commerciale

Secondo il CEO di Tele2, Anders Nilsson, l’impatto più grande dovuto a questa guerra commerciale si è avvertito proprio sullo sviluppo della rete 5G. Ecco la dichiarazione rilasciata a Reuters: “Abbiamo una catena di approvvigionamento globale, quindi chiunque acquisti apparecchiature da te troverà componenti dalla Cina. Anche se acquistiamo apparecchiature da Ericsson, che è la nostra vicina di casa, troverai hardware e parti cinesi in quella attrezzatura. In questo momento stiamo parlando con tutti i fornitori, ma le decisioni vengono posticipate. Questo non è solo Huawei, questo è tutto.

Leggi anche:  L'Italia sfida Huawei dopo il presidente Trump: nuove limitazioni sul 5G

Il ritardo per lo sviluppo di tale rete costerà caro sia alle compagnie dietro quest’ultime e anche ai consumatori. Chi si è mosso fin da subito per mettere in piedi una infrastruttura del genere sono stati fortunati ad evitarsi il peggioramento del dialogo tra le due superpotenza, l‘Italia rientra in tale gruppo, mentre chi si è attardato ora deve fare i confronti con la politica piuttosto che con la tecnologia, per lo meno più del solito.