Truffa della PostePay bloccata La truffa della PostePay bloccata è tornata. I malfattori dopo un apparente periodo di tregua prendono nuovamente di mira i clienti di Poste Italiane diffondendo un SMS fraudolento che minaccia la sospensione del conto e che invita a procedere con l’aggiornamento delle credenziali tramite una pagina fake che può mettere a rischio dati e denaro di numerosi utenti.

Truffa della PostePay bloccata: l’SMS fraudolento tenta nuovamente di prosciugare le carte!

L’ultimo SMS segnalato tenta di intaccare i risparmi dei clienti di Poste Italiane e a tal fine si presenta come una comunicazione intimidatoria relativa alla sospensione della carta PostePay. Il messaggio prosegue con l’invito da parte dei malfattori a risolvere il problema tramite un semplice aggiornamento delle credenziali di accesso al conto online. I clienti PostePay, ignari dell’infondatezza dell’SMS, possono utilizzare un link di accesso rapido, fornito direttamente dai criminali per procedere in fretta con l’inserimento dei dati online.

Leggi anche:  Agenzia delle Entrate: basta un click per pagare una Tassa da hacker

Utilizzando il link si sarà spediti ad una pagina clone in grado di pescare quanto inserito. Dunque, quanto inserito sarà automaticamente spedito ai malfattori che procederanno con l’accesso al conto e il prelievo dei risparmi. In pochi istanti, infatti, la carta sarà prosciugata senza troppe difficolta, poiché la stessa vittima avrà inconsapevolmente dato il consenso.

E’ utile, quindi, ricordare di non cedere mai informazioni sensibili online e che Poste Italiane non comunica tramite email o SMS con i suoi clienti. In più occasioni, infatti, l’azienda ha esortato tutti a ignorare qualsiasi messaggio si presenti a suo nome richiedendo l’aggiornamento dei dati. La carta PostePay, quindi, non è stata bloccata e si tratta soltanto dell’ennesimo tentativo di frode online che è bene conoscere ed evitare.