soliterie-microsoft-hall-of-fame

È difficile immaginare un videogioco che domina da più tempo sullo schermo rispetto al solitario di Microsoft. Esso è stato introdotto per la prima volta con Windows 3.0 nel 1990. È stata la distrazione per procrastinatori da quasi trent’anni. Ora il gioco viene finalmente onorato con un posto legittimo nel mondo Hall of Fame dei videogiochi.

Oggi, il Museo nazionale del gioco di The Strong ha annunciato ufficialmente tutti i membri del World Video Game Hall of Fame del 2019. Quest’anno, anche Solitaire di Windows affianca Super Mario Kart, Mortal Kombat, e non solo. Troviamo anche un titolo basato su testo del 1976 chiamato Colossal Cave Adventure. Esso ha aperto la strada ai giochi di fantascienza che conosciamo oggi.

Il solitario di Microsoft affianca giochi come Super Mario Kart e Mortal Kombat

Anche Mortal Kombat e Super Mario Kart hanno avuto un’enorme influenza sulle rispettive categorie. I giochi di corse che si concentravano sulla raccolta di oggetti e armi divertenti si trasformarono rapidamente in una seria concorrenza per i simulatori di corse tradizionali che si concentravano sul realismo. E Mortal Kombat non solo ha spianato la strada alla rappresentazione gratuita e controversa delle violenze nei giochi moderni, ma è stato anche in parte responsabile della creazione dell’Entreprise Software Rating Board (ESRB) nel 1994.

Leggi anche:  Apple spende milioni ogni mese per il servizio cloud di Amazon AWS

Per quanto riguarda il solitario di Windows, Microsoft sostiene che circa 35 miliardi di mani di solitario vengono distribuite ogni anno attraverso il sistema operativo. I numeri su quanti giocatori effettivamente godono di quell’ipnotica animazione di gioco sono sconosciuti.

Quindi chi non è entrato nella lista quest’anno? Sfortunatamente, i fan di Half-Life, Asteroids, Dance Dance Revolution, Call of Duty, Ms. Pac-Man, King’s Quest, Metroid e Minecraft dovranno aspettare fino al 2020 fino a quando i finalisti in short list avranno un altro colpo nella Hall of Fame.