microsoft-chrome-edge-privacy-digitazione

Indipendentemente dai tuoi motivi per l’utilizzo di Incognito, abbiamo preso tutti l’opzione della privacy di Google Chrome per scontata. Allo stato attuale, però, su Windows 10, i dati di battitura sono ancora passati attraverso i servizi di previsione di Windows. Anche durante l’utilizzo di Chrome in modalità di navigazione in incognito.

Microsoft sta lavorando per risolvere questo problema ed evitare previsioni di testo scomode sia su Google Chrome sia su Edge. La società vuole contrassegnare l’input della tastiera come privato mentre si è in Incognito.

Microsoft, l’aggiornmento di Windows 10 è in via di sviluppo

Ora che Microsoft sta investendo nel futuro di Chromium grazie al rinnovato browser Edge, gli sviluppatori della società hanno lavorato duramente per migliorare l’esperienza del browser su Windows. L’ultimo miglioramento di Chromium su Windows 10 vuole mantenere privata la tua navigazione privata trattando anche nella digitazione.

Potresti già sapere che la tua digitazione in incognito è sicura su Android, dal momento che tastiere come Gboard e SwiftKey mostrano chiaramente che rispettano la tua privacy. Sorprendentemente, queste protezioni non sono state finora estese a Windows.

Leggi anche:  Girl Scouts: l'organizzazione guadagna badge STEM da Microsoft Workshop

In una nuova modifica del codice work in progress su Chromium, uno sviluppatore Microsoft è in grado di risolvere questo problema semplicemente collegando due aspetti esistenti di Chrome e Windows 10 insieme. Ciò protegge la digitazione in incognito dai servizi di previsione.

Dalla versione 68, Chrome ha incluso “shouldDoLearning” per consentire al software della tastiera del tuo dispositivo di sapere se utilizzare il tuo input per le previsioni. “ShouldDoLearning” di Chrome è connesso a “IS_PRIVATE” dal Text Services Framework di Windows. Questo è il modo in cui Windows riconosce una casella di testo come privata..

Poiché la funzione è ancora in sviluppo, è improbabile che queste protezioni per la privacy vengano visualizzate prima di Chrome 76 e Edge 76.