Call Center truffa abbonamentoOgni giorno i clienti Tim, Vodafone e Wind Tre vengono colpiti da tante chiamate dei call center, i quali cercano di proporre delle promozioni appetibili per conquistare il maggior consenso. Può succedere che invece di professionisti, troviamo dall’altra parte del telefono dei veri e propri truffatori che cercano di adescare con le proprie strategie i vari consumatori.

Da diverso tempo che i clienti dei vari operatori telefonici vengono selezionati per aderire ad una di queste strategie. Dopo aver concluso la chiamata con un operatore di call center, alcuni utenti riscontrano l’attivazione di un nuovo contratto mai richiesto. In questo caso, si tratterà di una truffa telefonica.

 

I call center che registrano la nostra voce

Per colpire un numero elevato di vittime, questi malintenzionati hanno escogitato una nuova strategia. Si tratta di far rispondere alle domande che vi vengono esposte con un semplice ‘Si’ o ‘No’. In questo modo, l’operatore telefonico registra la voce dell’utente alle risposte pervenute e successivamente verrà utilizzata per completare la registrazione di un nuovo contratto/abbonamento.

Leggi anche:  Truffe telefoniche: meglio evitare i CALL CENTER Tim, Wind, Tre e Vodafone

Tutti quei clienti che non accetteranno inizialmente le proposte ricevute e avranno risposto con un ‘Si’ o ‘No’ alle domande, verranno colpiti dai truffatori con la registrazione della propria voce. Le risposte saranno registrate e serviranno ad aderire alla ‘finta’ promozione, la quale risulterà a tutti gli effetti una truffa.

Non conoscendo la persona che si trova dall’altra parte del telefono, il miglior metodo è quello di non rispondere mai con un ‘Si’ o con un ‘No’, in modo da evitare l’attivazione di nuovi contratti telefonici o abbonamenti che comporteranno allo svuotamento del credito.