Netflix

La piattaforma di contenuti in streaming Netflix è al momento sotto accusa a causa di una nuova serie TV originale che è sbarcata sul catalogo della piattaforma solo qualche giorno fa.

La serie in questione è Love, Death & Robots e, secondo le accuse, l’azienda avrebbe deciso di proporre gli episodi della nuova serie, secondo un ordine che si basa sull’orientamento sessuale di ciascun utente. Scopriamo i dettagli.

 

Netflix sotto accusa per Love, Death & Robots, ma si difende

Le prime accuse sono arrivate da Lukas Thoms, co fondatore di Out in Tech, associazione no profit che si prodiga affinché la comunità LGBTQ+ sia ascoltata in ambito tecnologico. Thoms ha fatto notare su Twitter che l’ordine delle puntate della serie TV Love, Death & Robots varia “in base al fatto che Neflix pensi che tu sia gay o etero”. Gli screenshot sono stati condivisi e mostrano che in alcuni casi la lista inizia con l’episodio “il vantaggio di Sonnie”, che racconta la storia di una combattente lesbica. In altri invece è proposto per primo l’episodio che ritrae “realistiche ed esplicite scene di sesso etero”.

Leggi anche:  Streaming: come avere Netflix 4K e Spotify Premium a 6 euro al mese

Il dibattito in rete si è allargato molto facilmente e velocemente e molti utenti hanno sottolineato un comportamento simile nella nuova stagione del reality Queer Eye. Prontamente Netflix ha dato una risposta che mettesse a tacere tutte le accuse, ecco le sue parole: “Non abbiamo mai avuto uno show come Love, Death & Robots prima d’ora, perciò stiamo provando qualcosa di completamente nuovo: presentare quattro diversi ordini degli episodi. La versione da te mostrata non ha nulla a che fare con il genere, l’etnia o l’identità sessuale – informazioni che non abbiamo, tra l’altro“.

La piattaforma ha da poco introdotto anche un aggiornamento che offre la possibilità agli utenti di valutare i contenuti con un pollice in su o un pollice in giù. L’azienda ha voluto anche specificare che quanto accaduto con Love, Death & Robots non ha nulla a che fare con l’orientamento sessuale degli spettatori.