Satispay sbarca anche sui distributori automatici

Satispay, il servizio di mobile payment che sta rivoluzionando il mondo dei pagamenti, estende la rivoluzione del suo modello anche al settore delle vending machine e annuncia l’avvio dell’integrazione del suo innovativo sistema di pagamento con i distributori automatici.

La tecnologia messa a punto da Satispay grazie alla collaborazione con mcf88 è la soluzione che fa diventare smart i tradizionali distributori automatici, consentendo alla sua sempre più ampia community di pagare snack, bibite, medicinali, autolavaggi, lavanderia a gettoni e molti altri prodotti e servizi via app senza bisogno di monetine, contanti o carte.

 

Satispay, come pagare le merendine al distributore automatico

Basta selezionare il prodotto desiderato, avvicinare il telefono al distributore e inquadrare il QR Code riconoscibile dal logo di Satispay. A quel punto selezionare l’importo, premere invio e ritirare l’articolo dopo la conferma del pagamento. L’importo verrà scalato direttamente dal budget settimanale impostato dal cliente.

Satispay mette a disposizione di questo importante segmento di mercato tutta la sua potenza in termini di strumento di marketing e consentirà ai gestori di effettuare politiche di cashback innovative e interessanti anche sui distributori automatici. Come impostare un cashback particolare in base alla frequenza di acquisto.

Leggi anche:  Satispay senza confini: l'app approda negli store anche in lingua cinese

Un modo come un altro per fidelizzare i clienti. Il primo ad avere identificato l’opportunità è stata Serim che con i suoi oltre 14.000 distributori inizierà l’integrazione con Satispay a partire dalla piazza di Milano. Dario Brignone, CTO e co-founder di Satispay ha dichiarato:

“Siamo una tech company e non smetteremo di trovare soluzioni e integrazioni per il nostro servizio fino a che questo ci permetterà di raggiungere il nostro obiettivo ultimo: semplificare la vita delle persone, siano consumatori o esercenti e gestori di beni a pagamento”. E il mercato italiano delle vending machine oggi è il primo in Europa”.