Apple ipad iphone

Stando alle ultime notizie provenienti da Reuters, sembra che Apple stia lavorando alla creazione di un nuovo team dedicato allo sviluppo dei modem. Il nuovo gruppo di lavoro è capeggiato da Johny Srouji, Senior Vice President della divisione Hardware. 

Questa scelta da parte di Apple si è resa necessaria per poter progettare e produrre in proprio elementi chiave dei nuovi iPad e iPhone. In questo modo non sarà più necessario rivolgersi a fornitori esterni, con vantaggi in termini di indipendenza produttiva e riduzione dei costi. Infatti, al momento l’azienda di Cupertino utilizza le soluzioni Intel mentre in passato si è avvalsa dei modem Qualcomm.

Certamente, su questa scelta da parte di Apple, ha anche influito la vicenda legale con Qualcomm. Infatti ricordiamo che i due colossi sono attualmente in causa per la violazione da parte di Cupertino, di brevetti relativi a varie tecnologie proprietarie del chipmaker americano. Tra le varie tecnologie sotto accusa, sono presenti anche alcune soluzioni utilizzate nei modem LTE.

Leggi anche:  iPhone 11, la fotocamera posteriore Cyclops avrà un design particolare

I lavori del team diretto da Johny Srouji sarebbero iniziati a gennaio. Considerando le tempistiche, probabilmente i primi device equipaggiati con i nuovi modem non arriveranno prima del 2020. Questo anno, secondo gli analisti, vedrà il debutto dei primi iPhone e iPad in grado di supportare la tecnologia 5G.

Per i device da presentare nel 2019, sembra ormai scontato che Apple si affiderà nuovamente ad una partnership con Intel. La causa legale è un grosso ostacolo ad una potenziale collaborazione con Qualcomm, ma non è da escludere l’arrivo di accordi in grado di stravolgere la situazione.