Amazon Go

La piattaforma di e-commerce più conosciuta ed apprezzata al mondo, Amazon, starebbe pensando ad un progetto che porterebbe i suoi negozi Amazon Go all’interno degli aeroporti.

Come ormai saprete, questo tipo di negozi non hanno le casse, e funzionano grazie ad un sistema di intelligenza artificiale, collegato all’account Amazon di ciascun utente. Scopriamo insieme i dettagli.

 

Amazon Go negli aeroporti

Reuters ha riportato l’indiscrezione secondo cui l’azienda di Jeff Bezos sarebbe interessata ad aprire alcuni negozi Amazon Go all’interno degli aeroporti di tutto il mondo. L’azienda fino ad ora, ha aperto alcuni di questi negozi solamente negli Stati Uniti e, secondo un vecchio rapporto di Bloomberg, la sua intenzione sarebbe quella di aprire fino a 3 mila punti vendita in tutto il territorio americano.

Secondo Reuters, la società sta al momento valutando di aprire degli altri negozi Amazon Go all’interno dei più importanti aeroporti americani, per il momento. Più precisamente starebbe discutendo il progetto per l’aeroporto di Los Angeles e di San Jose. Il progetto in questione rientrerebbe perfettamente nella strategia espansiva dell’azienda. Gli utenti, entrano nel negozio e scansionano un QR Code dell’applicazione Amazon Go, prelevano i prodotti ed escono.

Leggi anche:  Amazon: le offerte su Telegram superano il down di WhatsApp

Alcune telecamere con sensori poste all’interno del negozio permettono di tracciare ogni movimento dell’utente e addebitare la spesa fatta sul proprio conto Amazon. Questi negozi, sarebbero perfetti per un aeroporto, aperto 24 ore su 24, permetterebbero agli utenti di poter acquistare un prodotto a qualsiasi ora del giorno e della notte. Secondo la fonte, la piattaforma dovrà comunque seguire un iter, previsto per tutte le aziende che decidono di aprire un negozio all’interno di un aeroporto.