I possessori di uno smartphone che utilizza la rete mobile attraversa seri rischi a causa di problemi rilevati sulla rete 4G LTE; è stato un gruppo di ricercatori  di sicurezza della Ruhr-Universität Bochum e della New York University di Abu Dhabi ha scoprire delle nuove problematiche. Questi problemi riscontrati, hanno dato la possibilità ai ricercatori che un possibile hacker abbia accesso ad ogni rete mobile con nessuna difficoltà.

La rete 4G LTE è utilizzata da più di 5 miliardi di dispositivi mobili (smartphone, tablet) e tutti quanti rischiano che la loro privacy venga violata; per un hacker accedere alla nostra identità è diventato banale ma il rischio più grande è “l’attacco  aLTEr” .

Per quale motivo è pericoloso

Questo attacco soprannominato “aLTEr” è un sistema che utilizza l’hacker per diventare la “falsa cella” a cui il dispositivo mobile è collegato per poi indirizzarlo ad un sito web dannoso. In tutto questo, una nota positiva c’è: gli hacker hanno bisogno di un attrezzatura molto costosa per accedervi e non alla portata si tutti; secondo i ricercatori e i loro studi, questa attrezzatura non si troverebbe a meno di 4.000,00 Euro.

Leggi anche:  TIM, Wind Tre, Vodafone o Iliad: chi è più veloce in connessione 3G e 4G

Come proteggersi dall’attacco

Per proteggere la nostra privacy dagli attacchi di rete 4G LTE è doveroso cercare sempre il dominio HTTPS protetto sulla barra degli indirizzi. Esistono due modi per tenere al sicuro e tutelare la nostra privacy:

  1. Tutti i gestori devono aggiornare le specifiche per poter utilizzare un protocollo di crittografia con autenticazione come AES-GCM o ChaCha20-Poly1305.
  2. Tutti i siti web dovrebbero adottare la politica HTTP Strict Transport Security (HSTS), per dare un maggiore livello di protezione cosi da evitare il reindirizzamento degli utenti a un sito Web dannoso.