Telegram Whatsapp

Quando si parla di applicazioni di messaggistica e chat, la prima che ci viene in mente è Whatsapp. Un’app coi suoi pregi e difetti che da qualche tempo è diventata dominio di Facebook e che presto o tardi subirà delle modifiche.

Quello che in pochi sanno di voi è che l’app Telegram è migliore di Whatsapp e ve lo spieghiamo in pochi semplici punti.

Telegram meglio di Whatsapp: cercare le persone è facile

In fase di registrazione sia Telegram che Whatsapp chiedono necessariamente l’inserimento del numero di telefono. Ma la chat blu consente di aggiungere una username al proprio profilo per comparire nella ricerca globale, così da essere trovati facilmente dai vostri amici o colleghi.

A differenza della popolare chat verde, Telegram permette l’invio di file anche di grandi dimensioni che normalmente dovremmo inviare con Google Drive o WeTransfer. Si parla di un limite di dimensioni di 1,5 GB contro i soli 16 MB che Whatsapp consente.

Leggi anche:  Whatsapp, il trucco nascosto che consente di registrare videochiamate

Gli emoji personalizzabili e le conversazioni a termine

Telegram permette di avere emoticon personalizzate e quant’altro, senza alcuna estensione da scaricare a parte. Ma è lo strumento della conversazione a termine a far migrare sempre più utenti verso Telegram.

Tramite la chat blu si può avviare una conversazione con un amico, sapendo che questa avrà vita breve. Questo perché per ogni messaggio inviato e ricevuto ci sarà un determinato lasso di tempo di permanenza. Giunti al tempo limite, tutti i contenuti saranno eliminati in modo automatico dal sistema. Questa funzione garantisce quindi un più alto livello di sicurezza e protegge meglio la privacy dei propri dati.