Truffe

Unicredit e Intesa SanPaolo tornano ad essere i due istituti bancari prediletti dai cybercriminali. Sebbene negli ultimi mesi le attività dei criminali si siano concentrati anche altrove, il phishing torna a prendere di mira i clienti di queste due banche.

Come ben rinomato, il phishing è una modalità di truffa che si svolge tramite email: la persona che viene individuata come possibile vittima viene contattata tramite posta elettronica e fatta impaurire tramite appositi messaggi.
Questo mese, l’oggetto di tali email è un bonifico bloccato. Sembrerà strano ma è proprio così: i correntisti stanno ricevendo una mail che comunica loro l’impossibilità di accreditare un bonifico. Come mai? I loro dati sono obsoleti e devono essere aggiornati.

A questo punto del messaggio bisogna prestare molta attenzione: siccome l’email è stata concepita per sembrare reale, anche il più piccolo errore può aiutarci a difenderci. Proprio per questo motivo, il link in allegato deve essere analizzato.

Leggi anche:  Unicredit: nuove email avvisano di accrediti e bonifici, attenzione alla truffa

Un ulteriore consiglio: non fermatevi a leggerlo, ma una volta aperto controllate nella barra degli indirizzi che sia legittimo e conforme a quello letto prima.

Ovviamente questo suggerimento si applica solo ad email che potrebbero risultare veritiere. Ricordate sempre che Unicredit e Intesa SanPaolo non contattano mai i propri clienti (via email) per motivi così importanti. Se, inoltre, vi sentite poco sicuri, richiedete un appuntamento per aggiungere un ulteriore metodo di sicurezza al vostro conto.

Unicredit e Intesa SanPaolo ne offrono di diversi: il primo tra tutti il token. Per approfondire la questione potete leggere questo articolo dedicato.