Samsung Galaxy S10
La scheda tecnica di Samsung Galaxy S10 potrà vantare un lettore di impronte digitali a ultrasuoni integrato nello schermo. Uno scanner di terza generazione fornito da Qualcomm, rivela un nuovo rapporto proveniente dalla Corea, che è il lettore di impronte digitali più avanzato al mondo.

Ci sono già sul mercato smartphone con lettori di impronte in-display ma molti di questi sono di tipo ottico. Samsung, invece, per la sua prossima punta di diamante ha scelto la tecnologia ad ultrasuoni e come se non bastasse la migliore soluzione già funzionante che sfrutta questa tecnologia.

 

Samsung Galaxy S10 con lettore di impronte in-display: sarà il migliore mai utilizzato

Pensate che il sensore a ultasuoni di seconda generazione di Qualcomm può funzionare con precisione attraverso un vetro fino a 800 micron di spessore, rispetto ai 300 micron della prima generazione. Vedremo di cosa è capace questo lettore di impronte digitali non appena Huawei Mate 20 Pro verrà svelato.

Leggi anche:  Galaxy S8 e Galaxy S8+, disponibile un nuovo aggiornamento: Super Slow Motion e AR Emoji

Huawei ha annunciato, infatti, di aver stipulato un contratto di licenza esclusiva con Qualcomm per questo sensori. Figuriamo allora quali saranno le caratteristiche del sensore di terza generazione. Specifiche che potrebbero rimanere un mistero fino a quando Samsung Galaxy S10 non verrà presentato il prossimo anno.

Questa caratteristica, anche se il rapporto non lo rivela, dovrebbe essere presente sia sul Samsung Galaxy S10 che sul Galaxy S10+. Il terzo modello di Samsung Galaxy S10, quello Lite, avrà sempre un lettore sotto lo schermo ma non ad ultrasuoni perché più costoso.

I primi sono più accurati dei lettori ottici che funzionano in modo molto simile a una fotocamera digitale catturando un’immagine bidimensionale dell’impronta digitale. I lettori a ultrasuoni, invece, creano una riproduzione tridimensionale del dito e delle sue particolarità.