Motorola, in arrivo due nuovi smartphone

Motorola potrebbe essere al lavoro su una soluzione che potrebbe fronteggiare la piattaforma Samsung Desktop Experience (DeX), secondo quanto riferito dal noto esperto del settore Evan Blass, all’inizio di questa settimana.

Si dice che il concetto sia un’evoluzione di Atrix Lapdock, una soluzione telefono-PC che Motorola ha introdotto nel 2011. Il nuovo progetto è noto internamente come “Moto ModBook” ed alcuni dei suoi progetti di interfaccia utente provvisoria sono già stati pubblicati.

Il produttore di smartphone di proprietà di Lenovo ha cambiato radicalmente la sua strategia di prodotto quest’anno, avendo deciso di non offrire un fiore all’occhiello della serie Z, oltre a snellire il portafoglio di smartphone in maniera importante. Entrambe le mosse sono state realizzate con lo scopo di rilanciare la sua performance commerciale e fornire una spinta nel segmento di fascia media.

Lo scorso anno, il Moto Z2 Force ha ha ottenuto talmente uno scarso successo da eliminarne la realizzazione del successore. Motorola ha dunque deciso di raddoppiare la sua strategia orientata al valore e basarsi sul fatto che è ancora il marchio di smartphone unlocked più venduto negli Stati Uniti.

Leggi anche:  Moto E5 Plus e Moto Z3 Play con migliori specifiche hardware nel TENAA

Motorola potrebbe presentare una nuova soluzione desktop per gli smartphone

 

La nuova soluzione mossa dall’azienda arriva in un momento in cui Samsung ha deciso di abolire l’utilizzo della DeX Station e del DeX Pad. Molti consumatori infatti hanno ritenuto che pagare 150 dollari per tali gadget non ne valesse la pena. L’azienda Sud-Coreana ha deciso dunque di integrare la piattaforma DeX direttamente nel Galaxy Note 9 e sul Galaxy Tab S4.

La mossa ha permesso alla società sudcoreana di continuare a pubblicizzare i suoi nuovi dispositivi di fascia alta come strumenti orientati alla produttività, ma senza chiedere ai consumatori di spendere ulteriore denaro per un altro accessorio. Resta da vedere ora, come invece Motorola deciderà di utilizzare la nuova soluzione e per quali smartphone la renderà disponibile.