Samsung Galaxy A3 (2017)
Samsung Italia ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento software per il suo Galaxy A3 (2017) che dopo le novità di Android 8.0 Oreo riceve miglioramenti alla sicurezza del sistema operativo. Gli sviluppatori, infatti, si sono limitati ad introdurre le patch di sicurezza Android più recenti messe a punto da Google.

Queste patch patch di luglio 2018 risolvono svariate criticità Android ma anche alcuni problemi propri del software di Samsung. Oltre a queste correzioni, l’aggiornamento contrassegnato con il numero di versione XXU2CRG2, apporta anche i classici miglioramenti alle prestazioni e alla stabilità.

 

Galaxy A3 (2017), come installare l’aggiornamento software più recente

Tutti i Galaxy A3 (2017) No-Brand venduti in Italia stanno già notificando in automatico l’aggiornamento software la cui dimensione supera i 250 MB. Lo smartphone mostra una notifica che invita il possessore ad aggiornare. Se questa notifica non vi dovesse apparire, potete forzare la ricerca di nuove versioni software dalle impostazioni di sistema.

Leggi anche:  Xiaomi Mi A1 riceve l'atteso aggiornamento ad Android 9.0 Pie ma non in Italia

In ogni caso, per installare l’aggiornamento software più recente basta confermare di voler scaricare e installare la nuova versione. Dopo che avrete espresso il vostro consenso non dovrete fare nient’altro perché entrambe le procedure sono automatiche. Tuttavia, prima di avviarle è bene avere la connessione WiFi attiva e la batteria completamente carica.

Il WiFi serve per evitare costi aggiuntivi in fase di download mentre la batteria carica, ma anche connessa alla rete elettrica, serve per evitare possibili spegnimento in fase di installazione e quindi di scrittura della memoria ROM che potrebbero danneggiare Galaxy A3 (2017) in modo permanente.

Infine, anche se l’installazione non elimina alcun dato personale e non modifica le impostazioni di sistema, Samsung consiglia di eseguire un backup dei dati più importanti. Durante l’istallazione non sarà possibile utilizzare lo smartphone nemmeno per chiamate d’emergenza.