Recensione Moto G6 Play

Moto G6 Play

Quest’oggi vi parliamo di uno smartphone entry level del brand Motorola, in particolare di Moto G6 Play: il più piccolo della famiglia G. Un device che stupisce realmente per il rapporto qualità/prezzo, soprattutto nel design rinnovato rispetto alla precedente generazione. Scopriamolo insieme in questa recensione.

 

Descrizione e caratteristiche display

Moto G6 Play

Moto G6 Play è esteticamente molto gradevole, e risulta elegante nella colorazione indaco da noi provata. Oggettivamente è ben realizzato nelle finiture, restituendo una bella sensazione di solidità, avvalorata da un peso di circa 178 grammi. Un’ergonomia che, nel peso distribuito perfettamente sul corpo allungato in virtù del nuovo display in formato 18:9, trova il suo compimento.

Parliamo di un pannello LCD IPS da 5,7” di diagonale che offre una risoluzione HD+. Il display è ben visibile in condizioni di piena luce diurna, grazie anche al buon lavoro offerto dal sensore di luminosità attivando la funzione adattiva. Unica piccola pecca è nella resa dei colori un pochino slavati, se proprio vogliamo essere pignoli.

 

Prestazioni e uso quotidiano

Moto G6 Play

G6 Play, sebbene sia il device entry level della famiglia Moto G, si difende piuttosto bene in ogni condizione d’uso. Il processore a bordo è lo Snapdragon 430 Octa-core da 1,4GHz, coadiuvato da 3GB di RAM e dalla GPU Adreno 505, mentre la memoria interna offre 32GB di archiviazione espandibile con micro SD. Come vedete nel video, G6 Play restituisce una buona fluidità in navigazione, non temendo le zoommate improvvise.

Moto G6 Play

Senza ombra dubbio, uno dei punti di forza di questo Moto G6 Play è l’autonomia: infatti troviamo una batteria integrata non rimovibile da 4.000mAh. Complice il processore, lo schermo in HD, e un software particolarmente snello e ben ottimizzato da Motorola, vi sarà garantito quasi due giorni di autonomia. Inoltre, nel kit del telefono troverete un carica batteria Turbo Power da 12V/1,5A che garantisce tempi di ricarica abbastanza rapidi.

 

Comparto multimediale

Moto G6 Play

Il comparto fotografico si avvale di un sensore posteriore da 13MP con apertura focale f/2.0 e un autofocus PDAF, mentre la selfie camera ospita un sensore da 8MP con flash LED e registrazione di video fino alla risoluzione 1080p. È presente nell’app della fotocamera la modalità manuale e la funzione HDR auto: un plus non indifferente su questa fascia di prezzo. Gli scatti in diurna e nelle macro sono di buona qualità, mentre i limiti maggiori si hanno in condizioni di luce non ottimale e in notturna.

Leggi anche:  Recensione Huawei Mediapad M5 Lite: multimedialità a 360 gradi!

Moto G6 PlayPregevole invece la stabilizzazione elettronica nei video registrabili fino al FullHD, risultata veramente efficiente. Nelle riprese si apprezza il rapido adattamento al cambio di luminosità, mentre il focus ci mette qualche istante di troppo a riposizionarsi nonostante un passaggio morbido.

Infine l’audio, che sfrutta la capsula auricolare, è risultato piuttosto potente grazie all’ottimizzazione Dolby Digital.

 

Conclusioni

Tirando le somme su Moto G6 Play, ricordiamo che il prezzo di riferimento è attorno ai 170-180 euro. Una cifra commisurata al valore di questo smartphone. Di questo smartphone ricordiamo l’ottima l’autonomia, l’elegante design e la fluidità nell’uso di Android Stock ottimizzato da Motorola. Un device che è anche dotato di fotocamere soddisfacenti e adeguate alla fascia di mercato. Moto G6 Play non delude le aspettative se siete alla ricerca di un entry level con una piccola marcia in più rispetto ai competitor. Se volete vedere altri video, iscrivetevi al nostro canale Youtube.

Moto G6 Play

161 euro
8.1

Design ed ergonomicità

8.0/10

Multimedialità

7.5/10

Software

8.0/10

Autonomia

9.0/10

Prezzo

8.0/10

Pro

  • Android Stock ben ottimizzato
  • Stabilizzatore elettronico efficace
  • Audio e video più che soddisfacenti
  • Autonomia sopra la media
  • Funzione manuale e HDR auto nell'app foto

Contro

  • Sofferente nelle foto notturne
  • Autofocus leggermente lento
  • Palette di colori leggermente slavati