Xiaomi Mi Mix 3
Xiaomi ha annunciato la seconda generazione del suo smartphone senza cornice, Mi MIX 2, a settembre dello scorso anno. Un modello aggiornato a marzo e presentato come Mi MIX 2S. Adesso pero, in quella che sembra essere la prima immagine live, è apparso Xiaomi Mi MIX 3. La terza generazione dello smartphone senza cornici, con un design aggiornato.

A differenza dei precedenti dispositivi, con la cornice superiore e quelle laterali ridotte al minimo, Xiaomi Mi Mix 3 sembra progettato per offrire lo stesso spessore delle cornici su tutti e quattro i lati. Cornici ugualmente ridotte ma che nel complesso danno l’impressione di un rapporto schermo/scocca ancora più alto.

 

Xiaomi Mi MIX 3 sarà ancora più full screen: la fotocamera frontale sarà nascosta

Tuttavia, per colpa di questo design, sembra non esserci abbastanza spazio nella cornice inferiore per una fotocamera frontale. Osservando l’immagine non abbiamo trovato alcuna cam, suggerendo che Xiaomi potrebbe aver adottato il sistema sperimentato da OPPO con il suo Find X. Ossia dei moduli motorizzati a scomparsa.

Per quanto riguarda la parte posteriore dello smartphone, non abbiamo alcuna informazione anche se Xiaomi Mi MIX 3 potrebbe assomigliare a Mi MIX 2S. Questo significa che potrebbe trovare posto una doppia fotocamera posteriore con sensori da 12 MegaPixel e un flash LED dual tone. Oltre ai sensori ci sarà lo scanner di impronte.

Leggi anche:  Xiaomi Mi 8 Lite, in Cina Youth Edition, è ufficiale: fascia media ma dal design premium

Come con la maggior parte dei modelli di fascia alta di questo 2018, Xiaomi Mi MIX 3 avrà sicuramente lo Snapdragon 845 di Qualcomm e quindi un processore Octa Core da 2.5 Ghz con GPU Adreno 630. Un mix che potrebbe essere abbinato a 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna.

Infine, considerando che lo smartphone è previsto per la fine di quest’anno, immaginiamo che il produttore cinese lo presenti direttamente con Android 9.0 P come sistema operativo. Scontata la presenza dell’interfaccia personalizzata MIUI nella sua versione più recente.

Adesso rimangono solo due incognite: quando verrà presentato e quanto costerà. Il tutto senza mettere in dubbio che arriverà nel nostro Paese.