Samsung Galaxy
Samsung sta lavorando in silenzio nel proprio quartier generale alla prossima generazione di Samsung Galaxy. Dispositivi che in linea con il trend del momento avranno schermi sempre più grandi e allo stesso tempo design senza cornici. Novità emerse tramite alcuni schizzi e schemi progettuali che stanno facendo il giro del mondo.

LEGGI ANCHE: Galaxy S9+ con 256 GB di memoria in super sconto per i clienti TIM

Per i Samsung Galaxy del futuro, il produttore coreano continuerà a scommettere sul proprio Infinity Display ma opportunamente rivisto e ottimizzato per continuare ad aumentare il rapporto di screen to body ratio. Nello specifico, Samsung spera di ridurre al minimo le cornici laterali e di abolire completamente la parte inferiore.

 

Samsung Galaxy, i modelli del futuro saranno tutto schermo. Anche sul retro

L’unico “mento” che continuerebbe ad esistere è quello superiore che a sua volta sarà abbastanza grande da poter continuare ad alloggiare un altoparlante e la fotocamera frontale per gli autoscatti. Verrà completamente rivoluzionata, invece, la parte posteriore dei Samsung Galaxy, almeno di quelli più importanti.

Samsung sarebbe pronta a rivedere la posizione delle fotocamere posteriori spostandole dal centro della scocca ad un angolo. Una soluzione che consentirebbe ai designer e agli ingegneri del brand di poter avere abbastanza spazio per un secondo schermo. Uno schermo secondario posizionato sul retro di cui non conosciamo altro.

Non sappiamo se sarà un pannello a colori o in bianco nero, giusto per visualizzare le notifiche o altre informazioni come data e ora senza sbloccare il dispositivo. O se ancora lo schermo verrà utilizzato solo sui prossimi Samsung Galaxy Note per qualche speciale interazione.

Il tutto completato dalla presenza di una porta USB Type-C e dai classici tasti fisici come il pulsante di accensione e quello del bilanciere del volume. Non sappiamo se questo schema diventerà davvero una guida per la creazione dei prossimi smartphone del produttore ma è la dimostrazione che a Seoul stanno provando a fare qualcosa di diverso.