Google produce il chip quantico più potente al mondoGoogle ha presentato un nuovo processore quantistico 72 qubit (bit quantistici) chiamato Bristlecone, il più grande mai costruito. L’occasione è stato il meeting dell’American Physical Society di Los Angeles.

Google è in competizione con rivali “giganti” – come IBM – per dimostrare come un computer quantistico possa superare le capacità dei computer di oggi. Si ritiene che, per raggiungere questo obiettivo, siano necessari circa 50 qubit e Google spera di ottenerlo quest’anno. Tuttavia, le simulazioni quantistiche nei computer comuni mostrano che sono necessari più di 50 qubit.

Un computer quantistico di successo deve anche avere bassi tassi di errore per garantire che i suoi calcoli siano corretti. Bristlecone è progettato per imitare il precedente computer quantistico Google che era di soli 9 qubit ed avevano tassi di errore dello 0,6%. Si ritiene che la supremazia quantistica richieda un tasso di errore inferiore allo 0,5%.

Il sistema non è ancora pronto

Il gigante della tecnologia non ha ancora dimostrato le capacità di Bristlecone e, probabilmente, passerà attraverso diverse versioni prima di diventare un utile computer quantistico. Julian Kelly, un ricercatore del laboratorio di intelligenza artificiale di Google, spiegato che il team di ricerca è “cautamente ottimista“. “L’uso di un dispositivo come Bristlecone richiede pochi errori e piena armonia tra il software, il controllo elettronico e il processore stesso. Per raggiungere questo obiettivo, è necessaria un’attenta ingegnerizzazione dei sistemi in diverse iterazioni“.

Questo processore 72 qubit è, naturalmente, un impressionante prodezza tecnologica. E, in linea di principio, il chip quantistico Google dovrebbe essere abbastanza potente per ottenere la supremazia quantistica. Anche se manca ancora del tempo per avere dei supercomputer. “Le capacità algoritmiche dei computer standard continuano ad evolversi ed è troppo presto per dire, a mio parere, chi vincerà questa gara“, aggiunge.