Vodafone: campagna winback mirata agli ex clientiVodafone ha deciso di attuare una campagna di winback molto serrata nei confronti dei suoi ex clienti che hanno deciso di passare ad un altro gestore. Alcune persone, quindi, nel corso di questi giorni, stanno ricevendo un SMS informativo con il quale il cliente ha la possibilità di tornare in Vodafone recandosi in un centro abilitato.

Ecco le offerte proposte

Le offerte proposte sono due, ovviamente a seconda del SMS ricevuto:

  • Special 10 GB che prevede 1000 minuti verso tutti i numeri, sia fissi che mobili, 1000 SMS verso tutti e 10 GB di traffico internet a 10 euro ogni quattro settimane;
  • Special 20 GB che prevede 1000 minuti verso tutti i numeri, sia fissi che mobili, 1000 SMS verso tutti e 20 GB di traffico internet a 10 euro ogni quattro settimane.

E’ inoltre previsto un costo di attivazione di 5 euro per entrambe le offerte.

Come già detto sopra tali offerte potranno essere attivate entro e non oltre il 10 Marzo ( salvo proroghe successive al momento non annunciate ) soltanto da coloro che ricevono un SMS da parte di Vodafone e successivamente si devono recare al centro Vodafone più vicino per richiedere la portabilità.

Leggi anche:  Operatori telefonici: i migliori 5 in Italia che vi faranno perdere la testa

Il rinnovo delle promozioni citate risulta essere ancora ogni 28 giorni. A partire dal 25 Marzo 2018 ed entro il 5 Aprile 2018, anche Vodafone dovrà provvedere a passare ad una tariffazione mensile con costi che aumenteranno del 8,6%.
Tali promozioni quindi, dopo la data del 25 Marzo, avranno un costo ad ogni rinnovo di 10,86 euro al mese.

Vodafone al momento, a differenza di alcune compagnie come Wind e Tim, non prevede un aumento delle soglie mensili delle offerte ma soltanto un aumento del costo dei rinnovi mensili, per mantenere la spesa annua uguale.

Tutto ciò in attesa di nuove comunicazioni da parte del Garante e di AGCOM, che ha già provveduto a denunciare le società per l’aumento previsto del 8,6% in quanto uguale per ogni società e che prevede un azzeramento della concorrenza, in quanto il cliente pur rescindendo il contratto senza costi aggiuntivi, si ritroverebbe a dover pagare la stessa cifra con un altro operatore.