corrente alternata e continua

I materiali conduttori hanno elettroni liberi che si spostano da un atomo all’altro quando la differenza di potenziale viene applicata su di essi. Questo flusso di elettroni in un circuito chiuso è chiamato corrente. In base alla direzione del movimento degli elettroni in un circuito chiuso, la corrente elettrica viene principalmente classificata in due tipi, cioè la corrente alternata e la corrente continua.

La corrente che cambia periodicamente la direzione è chiamata corrente alternata. Anche la loro magnitudine e polarità cambiano con il tempo. In tali tipi di corrente, gli elettroni liberi (carica elettrica) si muovono sia in avanti che all’indietro.

La frequenza (numero di cicli completati in un secondo) della corrente alternata è compresa tra 50 e 60 Hz a seconda del paese. La corrente alternata viene facilmente convertita dal valore alto al valore basso e viceversa con l’aiuto del trasformatore. Pertanto, viene utilizzato principalmente per la trasmissione e la distribuzione.

Quando la carica elettrica all’interno del conduttore scorre in una direzione, allora tale tipo di corrente è chiamata corrente continua. La grandezza della corrente continua rimane sempre costante e la frequenza della corrente è zero. Viene utilizzato nei telefoni cellulari, nei veicoli elettrici, nelle saldature, nelle apparecchiature elettroniche, ecc.

Differenze tra i due tipi di corrente

  • La corrente che cambia direzione ad un intervallo di tempo regolare si chiama corrente alternata. La corrente continua è unidirezionale o scorre solo in una direzione.
  • Le cariche nel flusso di corrente alternata ruotano in una bobina stazionaria. In corrente continua, le cariche fluiscono mantenendo il magnetismo costante lungo il filo.
  • La frequenza della corrente alternata è da 50 a 60 hertz dipende dallo standard del paese, mentre la frequenza della corrente continua rimane sempre zero.
  • Il fattore di potenza della corrente alternata è compreso tra zero e uno, mentre il fattore di potenza della corrente continua rimane sempre uno.
  • La corrente dell’alternatore è generata dall’alternatore. La corrente continua è generata dal generatore, dalla batteria e dalle celle.
  • Il carico della corrente alternata è capacitivo, induttivo o resistivo. Il carico della corrente continua è sempre di natura resistiva.
  • La corrente alternata può essere rappresentata graficamente attraverso diverse forme d’onda irregolari come l’onda triangolare, l’onda quadra, l’onda periodica, l’onda a dente di sega, l’onda sinusoidale, ecc. La corrente continua è rappresentata graficamente dalla linea retta.
  • La corrente alternata trasmette su lunghe distanze con alcune perdite, mentre la corrente continua trasmette su distanze molto lunghe con perdite trascurabili.
FONTEcircuitglobe
Articolo precedenteCosa significa perielio e afelio e come funzionano durante le stagioni dell’anno
Articolo successivoPerchè non esistono ancora gli aerei di linea elettrici? Per adesso ci sono gli e-VTOL
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it