Microsoft e OpenAI

Nel 2019, Microsoft ha investito 1 miliardo di dollari nella vivace società di ricerca sull’intelligenza artificiale OpenAI, cofondata dall’allume di Y Combinator Sam Altman, Elon Musk e un gruppo di altri poco più di sette anni fa. I dettagli finanziari dell’accordo non sono stati divulgati all’epoca, ma MIT Tech Review ha riferito nel 2020 che il miliardo di dollari è stato suddiviso tra contanti e crediti per Azure, il business cloud di Microsoft. Insider ha contattato entrambe le aziende per un commento.

A novembre, OpenAI ha rilasciato un bot, ChatGPT, basato sul suo modello di linguaggio GPT-3.5 che è stato addestrato su Azure. Ingegneri, accademici, imprenditori, non tecnici e investitori sono stati super contenti nel vedere che ChatGPT si è dimostrato spaventosamente intelligente (fino a un certo punto). Anche se alcune volte dice cose errate, ChatGPT è sufficientemente intelligente, tanto che Google vede il chatbot come un “codice rosso” per la sua attività di ricerca.

Ora, secondo quanto riferito, OpenAI sta discutendo per raccogliere più capitale con una valutazione vicina a 30 miliardi, rispetto a una valutazione attuale di 20 miliardi e sta discutendo con Founders Fund, società di venture capital gestita da Peter Thiel, secondo i rapporti.

Microsoft alla ribalta

A parte il ROI, l’accordo di Microsoft sembra solo più intelligente man mano che emergono ulteriori dettagli.

The Information ha riferito che la società potrebbe integrare ChatGPT in Bing, il suo concorrente di Google. Come scrive Emilia David di Insider, questa è la prima vera minaccia all’egemonia della ricerca di Google in due decenni.

Gil Luria, direttore della ricerca presso DA Davidson, una banca di investimenti, ha scritto mercoledì in una nota che “Microsoft merita una valutazione premium rispetto al mercato“.

La stessa OpenAI prevede entrate per 1 miliardo di dollari entro il 2024, secondo Reuters. DA Davidson prevede che questi livelli aumenteranno in modo significativo con l’introduzione di GPT 4 di OpenAI, il suo modello di intelligenza artificiale di nuova generazione, entro la fine dell’anno.

Anche Bing ha spazio per crescere. Luria stima con 120 miliardi di entrate annuali, la Ricerca Google rappresenta la maggior parte dei 1,1 trilioni di valore di Google, mentre Bing, con circa  11 miliardi di entrate, rappresenta “al massimo” il 5% delle entrate e del valore di Microsoft.

FONTEyahoo
Articolo precedenteConti correnti violati per questi utenti: centinaia di app infette diffuse in Italia
Articolo successivoEcco cosa succede quando tiri lo sciacquone senza chiudere la tavoletta del WC
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it