Netflix

Se hai seguito le ultime notizie su Netflix, saprai che lo streamer è su un terreno instabile al momento.

I dati rivelano che Netflix ha registrato 3,6 milioni di cancellazioni di abbonamenti nel primo trimestre del 2022, oltre un milione in più rispetto a quanto registrato dall’azienda nel primo trimestre del 2021 e nel quarto trimestre del 2021. Questo è un indicatore significativo del fatto che si sta avvicinando alla perdita del primo posto rispetto la concorrenza.

La caduta di Netflix ha sollevato speculazioni sul fatto che l’industria SVOD (subscription video on demand) abbia raggiunto il picco e stia iniziando una tendenza al ribasso.

Antenna ha scoperto che gli abbonamenti negli Stati Uniti nella categoria Premium SVOD sono cresciuti del +4,0% trimestre su trimestre e del +24,7% anno su anno. La ricerca mostra anche che ci sono stati 37,4 milioni di nuovi clienti lordi e una perdita di 29,8 milioni di abbonati, lasciando un totale di soli 7,7 milioni di nuovi abbonati lordi nel primo trimestre del 2022.

I numeri sono coerenti con gli ultimi due trimestri ma significativamente superiori al 2019 (prima del Covid-19). La crescita è stata in gran parte guidata dai servizi alle prime armi Peacock e Paramount+, che hanno aggiunto un totale di 6,1 milioni o più di abbonati statunitensi.

In confronto, nel 2019, quando il mercato era dominato da Netflix e Hulu (servizi come Disney+, Peacock e HBO Max non esistevano ancora), nel primo trimestre dell’anno c’erano un totale di 10,3 milioni di abbonamenti. Il massiccio aumento rappresenta un tasso di crescita annuale composto di tre anni del 54%.

Mentre la crescita degli abbonati potrebbe essere elevata in questo momento, lo sono anche le cancellazioni. Ci sono state poco meno di 30 milioni di cancellazioni nel primo trimestre del 2022, il 12% in più rispetto a qualsiasi altro trimestre della storia, o 4,5 volte il volume di cancellazioni visto tre anni prima, rileva Antenna.

Non tutti la danno per spacciata

Le cancellazioni potrebbero essere nulla di cui preoccuparsi poiché le nuove aggiunte di abbonati indicano che i consumatori stanno rimbalzando da piattaforma in piattaforma. Paramount+, Peacock e Disney+ hanno rappresentato il 51% di tutte le nuove iscrizioni nel trimestre. Inoltre, i tre servizi citati hanno costituito gran parte delle nuove iscrizioni per gli utenti Netflix del primo trimestre 2022 agitati.

Peter Fondulas, principale di Hub, ha dichiarato: “La perdita di abbonati di Netflix nel primo trimestre del 2022 e le perdite previste nei trimestri successivi rappresentano una piccola parte della base globale . E infatti, a un certo punto, un servizio così ampiamente penetrato come Netflix ha solo così tanto spazio per crescere. A nostro avviso, sarebbe un grave errore considerare l’esperienza di Netflix come un segno che i servizi di streaming TV sono sull’orlo del declino, come hanno suggerito alcuni analisti. Il richiamo di contenuti esclusivi degni di nota e la pura comodità della visualizzazione su richiesta sono due potenti forze che dovrebbero mantenere questi servizi in crescita almeno per il breve termine”.

Nel primo trimestre del 2022, Netflix ha registrato una perdita di 200.000 abbonati, facendo la sua prima perdita di abbonati in più di dieci anni. Il calo ha portato la base di abbonati di Netflix a 221,6 milioni, in calo rispetto ai 221,8 milioni del trimestre precedente. Le perdite continueranno solo, secondo le previsioni di Netflix, e si prevede che lo streamer perderà 2 milioni nel secondo trimestre.

VIAyahoo.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it