conto-corrente-adiconsum-lancia-allarme-truffe-online-svuota-conto

In un anno, precisamente nel 2020, solo i raggiri del web denunciati in Italia sono stati 98mila. Durante l’inizio del 2021 non si sono placati gli attacchi hacker soprattutto a chi ha attivi servizi Home Banking con conto corrente online. Proprio per questo, pochi giorni fa, Adiconsum ha lanciato l’allarme truffe online svuota conto. Si tratta di email e SMS fraudolenti, realizzati da cybercriminali esperti, che mettono in pericolo il conto corrente. Ecco i dettagli.

 

Conto corrente: i risparmi di tutti sono costantemente in pericolo

Ebbene sì, secondo quanto dichiarato da Adiconsum tutti devono fare attenzione perché, con l’avvento della tecnologia, i risparmi sul conto corrente sono in pericolo. Ottimi tutti i servizi che permettono di eseguire operazioni a distanza e gratuitamente, senza recarsi ogni volta all’istituto di credito. Tuttavia è richiesta maggiore informazione per contrastare le truffe online sempre più diffuse se si vogliono proteggere i propri beni preziosi.

Ecco quanto ha dichiarato Manuel Bonsignore, avvocato specializzato in risarcimento del danno che lavora per Adiconsum, nota associazione che opera a difesa dei consumatori:

Nell’ultimo anno e mezzo le truffe bancarie online sono aumentate a ritmi esponenziali. Tutti possono cadere vittima di queste trappole, anche le persone più esperte. Questi malware hanno raggiunto ormai un alto livello di sofisticazione. Anche un normale sistema di protezione del computer non basta per impedire il fenomeno“.

 

Come avvengono le truffe svuota conto

Come avvengono le truffe svuota conto corrente? Hacker esperti si servono di “SMS civetta“. La povera vittima riceve un messaggio di testo sul proprio smartphone con un link che lo rimanda a una pagina web clonata. Questo per risolvere un problema di accesso anomalo, oppure per aggiornare i propri dati in merito alla sicurezza.

Qualunque sia il motivo per cui il malcapitato viene reindirizzato, quel sito web è esattamente identico a quello della sua banca. Cosa succede al conto corrente se l’utente si lascia ingannare? Bonsignore spiega:

A questo punto, l’utente viene invitato a fornire immediatamente le proprie credenziali di accesso. In meno di 20 minuti, l’utente viene estromesso dal suo sistema di home banking e non esercita più alcun controllo“.

 

Cosa fare in caso di frode

Nel caso foste caduti vittima di questa frode cosa potete fare? Se il vostro conto corrente è stato prosciugato da questi cybercriminali potete fare affidamento ad Adiconsum. Grazie ai suoi avvocati esperti è possibile farsi risarcire in parte la somma persa. Questo perché c’è un concorso di colpa dovuto a un’importante distrazione del cliente che si è fatto rubare il denaro.

Sempre Bonsignore spiega: “L’aiuto legale che fornisce Adiconsum è altamente specializzato. Ma per prevenire queste frodi è fondamentale fare una campagna di sensibilizzazione e informare gli utenti“.

Attenzione perché da poco è tornato l’incubo dei falsi SMS di Intesa Sanpaolo. Anche questi hanno l’obbiettivo di svuotare il conto corrente dei clienti falsificando email e messaggi di testo.

FONTEIl Giorno Milano