blankFacebook Ray-Ban hanno in questi giorni annunciato un prodotto tanto atteso, prende il nome di Ray-Ban Stories, sono occhiali intelligenti, senza realtà aumentata, frutto di una profonda collaborazione tra le due aziende.

La prima generazione di smart glasses ha l’obiettivo di mantenere gli utenti sempre connessi, ma con l’occhio sempre pronto a guardare il mondo che ci circonda, portando inoltre una concezione completamente nuova della fotografia, della condivisione e dell’ascolto.

Ray-Ban Stories permetteranno di catturare foto e video istantanei (della lunghezza massima di 30 secondi), mediante l’utilizzo della doppia fotocamera da 5 megapixel, posta sulla parte anteriore della montatura (con LED di stato annesso). L’accesso al servizio non richiederà la pressione di alcun pulsante, basterà la frase “Hey Facebook” per avviare la registrazione o scattare l’istantanea (al momento disponibile solo in lingua inglese).

Grazie alla connettività bluetooth, e la presenza di un sistema audio a 3 microfoni, sarà possibile riprodurre i brani o i video da un qualsiasi smartphone, come anche inviare messaggi vocali e effettuare chiamate. Sulla superficie del prodotto si trova un piccolo touchpad, utilissimo per la regolazione del volume, ed il controllo della riproduzione. Le ultime specifiche degne di nota riguardano la presenza del WiFi 802.11 ac dual-band, e di una memoria interna, per la memorizzazione fino a 30 ore di video o 500 foto.

Al momento sono disponibili 3 differenti montature, con 5 colori 6 tipi di lenti differenti, tutte con custodia di ricarica appositamente progettata per il prodotto (dallo 0 al 100% in 70 minuti). L’autonomia, considerando un utilizzo moderato, è di circa 6 ore.

 

Ray-Ban Stories: prezzo di vendita

blank

Ray-Ban Stories sono disponibili all’acquisto dal 9 settembre 2021, in tutti i negozi RayBan e sul sito ufficiale dell’azienda, ad un prezzo di partenza di 329 euro. Le lenti saranno poi disponibili anche in versione polarizzata (a partire da 359 euro), fotocromatica (da 409 euro) e graduata (la cifra è variabile).