IPTV: lo Stato ora distrugge gli evasori, gli abbonati al sistema pirata saranno multati

Passeranno gli anni ma la storia resta sempre uguale: il mondo della pirateria continua a portare dalla sua parte tante persone. Soprattutto dopo che i diritti dell’ultimo campionato di calcio appena cominciato sono stati divisi tra stagione regolare e coppe europee tra i vari licenziatari, in tanti hanno pensato di sottoscrivere un abbonamento IPTV. Di certo i costi degli abbonamenti regolari non aiutano, ma questo non giustifica tutte quelle persone che decidono di evadere e quindi dare corda ad un sistema totalmente illegale. Proprio per questo la Guardia di Finanza continua con le sue indagini e starebbe ottenendo grandi risultati soprattutto negli ultimi mesi.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: le multe ora sono in realtà, i clienti delle piattaforme pirata saranno multati

Ultimamente la Guardia di Finanza è stata in grado di identificare diverse piattaforme di servizi pirata offerti chiaramente in maniera illegale. Queste sono state chiuse al momento, con diversi utenti beccati al loro interno. Si parla di circa 100.000 persone che ora saranno montate con una sanzione minima che partirà da 1000 €.

Il susseguirsi di azioni di contrasto sempre più frequenti ed efficaci sono il risultato della stretta collaborazione tra industria e forze dell’ordine, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’impegno nella lotta ad un fenomeno criminale che danneggia l’intera industria sportiva, dallo sport amatoriale, agli appassionati, fino ai detentori dei diritti e i broadcaster, distruggendo posti di lavoro e creatività“.