blankMicrosoft ha dovuto sospendere la versione di prova del nuovo Windows 365. Paradossalmente il problema è l’improvvisa popolarità del browser.

Windows 365 consente di duplicare il browser Web, quindi per PC, con Windows 10 o Windows 11, offrendo agli utenti la possibilità di avere sostanzialmente il proprio PC su qualsiasi dispositivo, incluso un tablet. Sfortunatamente, il servizio ha raggiunto il massimo degli utenti previsti a 24 ore dal lancio. “Abbiamo riscontrato un’incredibile risposta positiva alla beta di Windows365. Quindi, abbiamo bisogno di sospendere il nostro programma di prova gratuito per permettere a più utenti di registrarsi”.

Windows 365 è basato su Azure Virtual Desktop di Microsoft e supporta il sistema operativo dell’azienda su PC, Mac, iPad, Linux e dispositivi Android. È disponibile in due varietà, una che costa 20 dollari al mese per un dispositivo virtuale con 2 GB di RAM e 64 GB di spazio di archiviazione e una versione più costosa che può arrivare fino a 32 GB di RAM e 512 GB di spazio di archiviazione, con otto CPU virtuali, per 162 dollari al mese.

Microsoft: versione provvisoria del nuovo Windows 365 rimossa a causa delle troppe iscrizioni

Il computer virtuale non supporta le applicazioni cui siamo abituati. Tuttavia, può consentire agli utenti di accedere da remoto a qualsiasi applicazione compatibile con Windows 10 o con i prossimi sistemi operativi. Microsoft sta proponendo questo prodotto come un’alternativa ideale per coloro che lavorano da casa, poiché la pandemia ha trasformato il modo in cui lavoriamo.

L’azienda suggerisce che “il 73% dei lavoratori desidera che ci siano sempre alternative per lavorare a distanza, anche post pandemia. Allo stesso tempo il 67% afferma di volere anche una maggiore collaborazione faccia a faccia”. Questo “crea il paradosso del lavoro ibrido, lasciando le organizzazioni di tutto il mondo alle prese con il solito problema: come connettersi in un mondo ibrido”.

Microsoft ha attinto da idee simili per creare Windows 11, che ora ha i suoi strumenti di videoconferenza Teams integrati per impostazione predefinita. Una decisione presa anche da Google con i suoi Chromebook e Google Meet. Tuttavia, la società è stata criticata per le restrizioni imposte al sistema operativo, il che significa che molti dovranno acquistare computer completamente nuovi per ottenere il nuovo software.