Postepay: arriva l'inganno tramite chat ed e-mail, così svuotano i conti

La Postepay resta la carta di credito ricaricabile più utilizzata in Italia. La maggioranza delle persone nel nostro paese utilizza lo strumento di Poste Italiane per effettuare le operazioni del quotidiano, tra acquisti in presenza ed i acquisti nei vari negozi virtuali in rete.

 

Postepay, i costi sono da ribasso ma attenzione ai costi extra

costi della Postepay sono molto chiari. Tutti coloro che desiderano attivare lo strumento di pagamento dovranno spendere 5 euro nel momento della sottoscrizione e dell’avvenuta consegna della carta.

Lo strumento di Poste Italiane prevede un ulteriore costo, ma solo ed esclusivamente per gli utenti che si avvalgono della carta Evolution. In questa circostanza, è infatti previsto un pagamento extra di un euro al mese. Questo costo extra è legato ad un codice IBAN, attraverso cui gli utenti potranno effettuare o ricevere bonifici, tra cui anche lo stipendio e la pensione.

Al netto di questi costi fissi, per Postepay esiste anche una tassa extra: l’imposta di bollo. In base annua, il totale di questo tributo può portare ad un costo ulteriore dal valore di 34,80 euro.

Come per gli altri strumenti di pagamento, anche con la Postepay l’imposta di bollo è prevista per coloro che hanno un saldo superiore al valore di 5000 euro. A differenza di altri strumenti di credito, invece, con la Postepay il pagamento è previsto su base mensile. Il pagamento sarà di 2,90 euro ogni trenta giorni. Il saldo viene detratto in automatico dal fondo della Postepay nei primi giorni di ogni mese.