auto-elettriche-ricarica-wireless-movimento

Quando si parla di ricarica wireless si parla quasi sempre di dispositivi elettronici, nella maggior parte dei casi gli smartphone. Alcuni ricercatori stanno lavorando per portare questa tecnologia a servizio delle auto elettriche così da andare a battere uno dei problemi più grandi di questo genere di vetture. Si parla ovviamente di andare a superare il tempo che si perde per ricaricare le batterie.

I ricercatori della Cornell University, nello specifico quelli di ingegneria elettrica e informatica, hanno già sviluppato questa tecnologia. Potrebbe a tutti gli effetti di caricare le auto elettriche direttamente sulla strada e in movimento. La sua applicazione potrebbe rendere effettivamente le strade come dei caricabatterie wireless.

Le parole di Khurram Afridi, il responsabile della ricerca: “Le autostrade avrebbero una corsia di ricarica, una specie di corsia ad alta occupazione. Se la batteria si esaurisse, ti sposteresti nella corsia di ricarica. Sarebbe in grado di identificare quale auto è entrata nella corsia e successivamente ti invierebbe una fattura.”

 

Auto elettriche: la ricarica wireless in strada

“La tecnologia di Afridi incorporerebbe speciali piastre metalliche nella strada che sono collegate a una linea elettrica e un inverter ad alta frequenza. Le piastre creeranno campi elettrici alternati che attraggono e respingono un paio di piastre corrispondenti attaccate alla parte inferiore delle auto elettriche.”

Ovviamente non si tratta di una tecnologia semplice e l’implementazione ha sicuramente molti problemi. “Bisogna trovare parti in grado di gestire gli alti livelli di potenza necessari per caricare abbastanza veicoli mentre sono in movimento. Dovrebbe essere un materiale non solo resistente alle intemperie, ma in grado di resistere all’alta tensione e al calore dei veicoli in transito.”

Un aspetto da sottolineare è l’intenzione di molte parti nel mondo di migliorare la tecnologia per le auto elettriche, nello specifico propri i sistemi di ricarica. Al momento sono l’ostacolo più grande per un’adozione di masse, oltre che al prezzo iniziale.