esperimento-nasa-asteroide-sulla-terra

Il Jet Propulsion Laboratory della NASA ha recentemente svolto una simulazione. L’obiettivo di questa simulazione era quello di esercitarsi a debellare un eventuale asteroide, qualora si dirigesse verso la Terra. Questo tipo di esercitazioni non sono nuove per la NASA, la quale cerca di tenersi costantemente sul pezzo per evitare il disastro. A quanto sembra però, quest’ultima esercitazione non è andata a buon fine. Vediamo cosa è accaduto esattamente.

L’asteroide immaginario che ha battuto la NASA, ecco cosa è successo

Spieghiamo un po’ meglio i fatti. Quando viene effettuata una simulazione di questo tipo, si stabiliscono una serie di circostanze specifiche dalle quali ricavare dei dati. A questi dati accedono poi gli scienziati incaricati di risolvere il problema. In questo caso la simulazione prevedeva che questo asteroide si stesse dirigendo contro la Terra per impattare nell’arco di sei mesi. In questi sei mesi di tempo però. gli scienziati non sono stati in grado di trovare un modo per arginare il problema e impedire l’impatto. Riassumendo, in una realtà alternativa siamo stati colpiti da un asteroide che ha distrutto la Terra.

Un comunicato stampa della NASA circa queste simulazioni, riporta le parole della ufficiale per la difesa planetaria Lindley Johnson:

Ogni volta che partecipiamo a un esercizio di questa natura, impariamo di più su chi sono gli attori chiave in un probabile evento disastroso e su chi ha bisogno di sapere quali informazioni e quando. Questi esercizi alla fine aiutano la comunità della difesa planetaria a comunicare tra loro e con i governi, per garantire un coordinamento su più fronti nel caso in cui, in futuro, venisse identificata una potenziale minaccia da impatto.

Il fatto che queste simulazioni possano fallire non si deve considerare un problema. È anzi lo spunto necessario perché gli scienziati proseguano nella ricerca per comprendere quale sia il miglior metodo di difesa. In altre parole: niente panico!