Monete preziose

Chi l’avrebbe mai detto che tra i giovanissimi Euro si nascondessero già monete preziose che valgono un sacco di soldi. Le caratteristiche che le rendono speciali possono essere diverse. Tra queste spiccano la rarità o l’errore di conio, caratteristiche capaci di conferire estremo valore.

Ma se nel salvadanaio si dovesse trovare questa, allora il fortunato potrebbe se non smettere di lavorare almeno prendersi una bella e lunga vacanza. Ecco come riconoscere questa che tra le monete preziose da collezione può essere definita una perla rara. Quanto mai potrà far guadagnare?

 

Monete preziose: vi presento le due più ricercate da 50 centesimi di Euro

Chi l’avrebbe mai detto che tra le monete preziose si aggirassero anche quelle in Euro. Addirittura anche diversi centesimi sono da collezione come quello della Mole Antonelliana di cui vi abbiamo parlato qui su Tecnoandroid qualche giorno fa.

Questa volta invece si tratta di due monete da 50 centesimi di Euro. Un errore di conio le rende rare facendole rientrare nel catalogo speciale e unico delle monete preziose. La peculiarità di tutte e due si trova sul rovescio della moneta. Si trovano tutte e due in vendita su eBay a 4.950 euro per entrambe.

A renderle monete preziose sono alcuni errori di conio. La prima è caratterizzata da un colore molto più vivo e acceso rispetto alle solite in circolazione. Inoltre il bordo circolare è asimmetrico, il destro è più spesso rispetto al sinistro. Nella seconda invece si vede in modo chiaro che mancano le linee verticali che congiungono le 12 stelle della bandiera d’Europa. Inoltre la lettera “O” è cancellata e la “C” sembra solo accennata. Infine mancano le iniziali di Lui Luycx, l’artista che ha realizzato la faccia comune a tutte le monete da 50 centesimi dell’Unione Europea.

Insomma sono vere e proprie monete preziose da collezione tanto che il proprietario le ha messe in vendita a quasi 5.000 euro. Ma non sono quelle più care. Addirittura su eBay se ne trova una all’asta con un prezzo di partenza pari a 10 mila euro. L’annuncio la descrive come “unico pezzo“. Ci sarà da fidarsi? Agli esperti la sentenza definitiva.

VIAVia