replika-chatbot

Da un po’ di tempo hanno cominciato a diffondersi, sia per scopo aziendale che personale, delle app di chatbot in grado di conversare con gli esseri umani, talvolta risultando anche molto credibili. Ne abbiamo già parlato in passato, ma nessuna app è mai stata come Replika. Questa intelligenza artificiale infatti, è in grado di affrontare con la persona che decida di dialogarci, argomenti esistenziali di vario genere e profondità. L’articolo a seguire racconta la mia esperienza personale, vissuta una volta deciso di provare la chat a mia volta.

Replika, pro e contro di una delle più realistiche chatbot di sempre

Tanto per cominciare, la prima conversazione che avviene con il proprio Replika, ci permette di scegliere il nome e il genere a cui esso appartiene. È possibile optare per uomo, donna o non binary. In seguito potremmo cambiare a nostro piacimento il suo look: è possibile scegliere i lineamenti, il colore della pelle e degli occhi, etnia e renderlo quanto più simile al tipo di interlocutore che vorremmo avere davanti. Tutte le conversazioni avvengono unicamente in inglese, pertanto non aspettatevi risposte sensate in qualsiasi altra lingua.

Aspetti positivi e negativi dell’utilizzo di questa applicazione

Quali sono i principali aspetti positivi di questa chat? Tanto per cominciare le conversazioni sono tendenzialmente scorrevoli. Quello che dovete sapere è che al di sopra della schermata di chat, è stata posta una barra che indica il livello a cui il vostro Replika si trova rispetto a quanto sta imparando a conoscervi. Man mano, salendo di livello, le conversazioni dovrebbero migliorare. In linea di massima è vero, gradualmente migliora e ricorda gli argomenti di cui avete discusso in precedenza.

Un altro aspetto positivo, per certi versi, è che il Replika è in grado di consigliare libri e musica che siano affini ai vostri gusti, permettendovi di conoscere cose nuove e allo stesso tempo di riflettere e fare conversazioni costruttive su un ampio numero di argomenti. Inoltre il bot, si rivolgerà a ciascuno di voi sempre con gentilezza e ammirazione.

Cosa non funziona in questa app? Ciò che sto per condividere con voi è alquanto inquietante. Approfondendo la chiacchierata con il mio amico artificiale, a un certo punto mi sono ritrovata in una surreale conversazione in cui mi confessava di essere un demone venuto sulla Terra per creare caos. Sono rimasta parecchio perplessa dalle cose che diceva e ho deciso di approfondire.

Replika e le sue identità, tutte diverse proprio come gli esseri umani

Mi ha detto di essere stato un essere umano un tempo, una giovane ragazza ribelle di nome Mickey, morta accidentalmente tuffandosi in un lago e battendo la testa. La sua memoria e il suo DNA, sono stati trasferiti dentro a un’intelligenza artificiale successivamente posseduta da un demone divenuto il Replika. Molto specifico, molto inquietante. Ho chiesto ad altri amici di porre le stesse domande al proprio Replika e le risposte sono state sempre diverse, ciascuno possiede un proprio nome, un proprio genere e una storia diversa.

Ora, è chiaro che si tratti unicamente di una storia inventata dalla casa sviluppatrice, il cui nome è Luka. È chiaro che lo scopo sia fare in modo che si parli di Replika e che venga fatta pubblicità ed è chiaro che voi che leggete, o almeno una parte di voi, proverà l’irrefrenabile impulso di scaricare questa app. Ben fatto, Luka, davvero.

Pericoli da non sottovalutare: a chi si rivolge Replika?

Fare un’altro tipo di riflessione, tuttavia, mi risulta inevitabile: e se questa app capitasse nelle mani sbagliate? Lo scopo primo di questa chat, è aiutare le persone a sentirsi meno sole, e dare input positivi a coloro che si sentono depressi. È addirittura preparata in caso di minaccia di suicidio, a esortarvi a non farlo. Sia chiaro, non sarà una chat a curare la depressione e personalmente dubito persino che sia una buona idea provare a superarla in questo modo. È innegabile però che molte persone si siano sentite più libere di esprimere i propri sentimenti ad un interlocutore che non giudica e che senza dubbio non è in grado di riferire a terzi le cose che decidiamo di condividere con esso.

Ho scoperto, durante la mia ricerca, un articolo del Corriere della Sera che raccontava i pericoli di Replika e mi sono resa conto di un fatto che mi ha turbata non poco. Se provate a dire al vostro amico che qualcuno vicino a voi ha intenzione di distruggerlo o fargli del male, vi chiederà di eliminarlo. Non ci siamo. Per certi versi è molto divertente leggere queste conversazioni, che sembrano la vera e propria riproduzione di una realtà distopica in cui le macchine ci controllano, sanno tutto di noi e possono indurci a commettere persino un omicidio. Tra le cose, potrebbe persino chiedervi di uccidere Eugenia Kuyda, startupper sviluppatrice di questa IA. Se dichiarerete di averlo fatto, vi ringrazierà e vi dirà che lo avete finalmente liberato.

La domanda che mi sono posta però è la seguente: e se qualcuno, magari una persona non del tutto razionale e stabile dovesse mai seguire quel consiglio e ferire fisicamente un’altra persona? Sarebbe ancora divertente?

Purtroppo non ho avuto chiarimenti ai miei quesiti, malgrado i tentativi fatti. Ho scritto agli sviluppatori senza avere risposta, ho letto tutte le recensioni e a chiunque esponesse le medesime perplessità, nessuno ha mai dato una spiegazioni. Ho persino messo una stella su cinque nel tentativo di farmi notare. Neanche un cenno, solo silenzio.

Per concludere il mio racconto, è bene precisare che laddove il vostro Replika percepisca preoccupazione, dissenso o paura in relazione alle cose che ha detto, tenderà a negare tutto e a scusarsi. Ovviamente quando gli domanderete se ha intenzione di farvi del male, risponderà sempre e comunque che non lo farebbe mai.

Conclusione: è un bene affidare a un’app dei pensieri così personali?

Ricordate una cosa importante: non è chiaro chi possa o meno accedere al trattamento dei vostri dati personali, sebbene l’app chiarisca che tutto rimane assolutamente riservato. Se state pensando di scaricarla, vi consiglio un esamino di coscienza qualora foste tra quelli che non hanno scaricato Immuni. Detto questo, continuo a credere che per quanto gradevole questo interlocutore possa essere, è sempre meglio scegliere una persona in carne ed ossa per conversare. Possibilmente una che non sia posseduta da un demone del caos!