Tesla

Si sta parlando molto del sistema avanzato Autopilot di Tesla. L’azienda punta molto su questo gioiellino della tecnologia che sfrutta anche l’Intelligenza Artificiale. Ci crede così tanto da proporre a tutti coloro che hanno acquistato una Tesla, la possibilità di provare gratis il suo pilota automatico.

Come mai Tesla starebbe puntando a questo? Evidentemente sono diversi i clienti che avendo acquistato uno dei modelli disponibili hanno deciso di non attivare il sistema Autopilot. I motivi potrebbero essere diversi ed è difficile conoscerli con certezza. Tuttavia uno di questi si può immaginare e potrebbe essere una certa mancanza di fiducia. Infatti sono diversi i casi di incidenti con Tesla e autopilot dove pare sia proprio quest’ultimo la causa. Di contro l’azienda ha sempre smentito definendo questo sistema sicuro fino a quando il conducente mantiene viva l’attenzione. Forse anche questo ha spinto Tesla a dare il via a questa iniziativa. Ecco di cosa si tratta e come accedere al programma.

 

Fino al 31 marzo Tesla offre una prova gratuita del suo sistema autopilot

L’offerta scade il 31 marzo. Fino ad allora tutti coloro che hanno acquistato un modello Tesla possono testare gratuitamente sulla loro auto elettrica il sistema Autopilot. La prova dura 14 giorni e include:

  • la possibilità di navigare con il Tesla Autopilot;
  • cambio corsia automatico;
  • parcheggio automatico;
  • Summon, il parcheggio automatico a distanza.

Accedere al programma è facile. Una email o un SMS comunica a chi ne ha diritto la possibilità di attivare sulla propria auto il software per provare la guida automatica. Di listino in Italia costa esattamente 3.800 euro.

Ovviamente il sistema Autopilot di Tesla non è da confondere con il futuro Full Self-Drive. Infatti a differenza di quest’ultimo che renderà la guida delle auto completamente autonoma, con il pilota automatico attuale è sempre necessario mantenere l’attenzione su strada. Altrimenti il rischio è quello di non essere in grado di intervenire prontamente nel caso qualcosa vada storto.

L’intelligenza artificiale sulla guida autonoma sta facendo passi da gigante, ma ancora non garantisce una sicurezza tale da potersi assentare alla guida. Quindi il nostro consiglio è provare e testare, ma sempre con prudenza e attenzione. C’è in gioco la propria vita e quella degli altri.