samsung-investimenti-produzione-chip

Al mondo c’è un problema con la produzione di chip, un problema che riguarda soprattutto la pandemia, ma questa situazione ha reso chiaro alcuni aspetti importanti. Ci vogliono più investimenti in materia e bisogna anche evitare di fare affidamento su pochi attori per evitare di ritrovarsi così. Per questo motivo, e per molti altri, Samsung ha deciso di investire parecchio.

Si parla di un investimento da 17 miliardi di dollari per la messa in piedi di siti di produzione negli Stati Uniti. Si parla di ben quattro diversi tra cui uno all’avanguardia sotto ogni punto di vista. La scelta sta venendo facilitata proprio dal fatto che proprio il governo statunitense vuole puntare su questo genere di impianti produttivi anche per competere con la Cina e non di esserne un mero cliente. Samsung è perfetto in tal senso.

 

Samsung e gli investimenti sui semiconduttori

Non è l’unico investimento che farà Samsung in questo settore nel medio periodo. L’intenzione del colosso sudcoreano è anche di fare lo stesso in Europa. Si tratta di un’operazione molto più contenuta, ma comunque importante visto che si parla di un progetto che mira a portare l’Unione Europea a un livello più alto sul piano produttivo di questi componenti sempre più importanti per il nostro stile di vita.

Anche a questo giro si parla di ridurre la necessità di fare affidamento agli altri paesi, sempre e soprattutto dalla Cina. L’auto in tal senso non arriverà solo da Samsung, ma anche da parte di TSMC, la più grande fonderia al mondo la cui tecnologia è tra le più avanzate.