blank

Huawei sta prendendo molto sul serio la creazione di un’intera suite di app e servizi che competeranno con le applicazioni di Google. L’ultimo progetto fra le mani degli sviluppatori è un’alternativa a Gmail, uno dei servizi Google più potenti al mondo. Secondo fonti vicine al produttore orientale, Huawei ha già lanciato la fase beta del suo nuovo Petal Mail, che offrirà presto un nuovo servizio di posta elettronica accessibile a tutti gli utenti in possesso di un dispositivo dotato di Huawei Mobile Services.

Huawei Petal Mail, arriva l’alternativa cinese di Gmail

Già a febbraio dello scorso anno, Huawei depositò la domanda di brevetto per il marchio Petal Mailbox, che avrebbe dovuto rappresentare un’alternativa a Gmail. Il marchio sembra essersi evoluto in questo periodo, poiché le informazioni più recenti collocano Huawei nella fase beta per il suo nuovo servizio: Huawei Petal Mail. Se vogliamo (e viviamo in Cina), possiamo iscriverci all’open beta del servizio che ci permetterà di testarne il funzionamento, sebbene inizialmente sia aperto solo agli utenti dei sistemi operativi e desktop.

Petal Mail è stata ospitata sul dominio petalmail.com e Huawei ha promesso ricompense pari a 100 yuan agli utenti che invieranno feedback sul servizio durante la fase di test. Gli screenshot che sono apparsi al momento mostrano un servizio di posta che muove i primi passi, sia nelle funzionalità che nel design. Abbiamo le classiche cartelle Posta in arrivo, Speciali, Bozze, Inviati, Cestino e Spam e poco altro al momento. Presteremo attenzione a quando Petal Maps sarà finalmente disponibile per tutti, poiché presumiamo che porterà con sé un’applicazione mobile che probabilmente potrà essere installata su un qualsiasi smartphone.