L’emergenza Coronavirus ha sottolineato come, soprattutto nel 2020, avere una connessione a Internet sia di primaria importanza, lunghe sessioni di smart working ed e-learning, hanno infatti salvato numerose aziende e le carriere di numerosi studenti universitari, assumendo un ruolo centrale ma necessitando al tempo stesso di una connessione ad late prestazioni per sopportare un carico di lavoro importante.

Proprio per questo ogni cittadino ha dovuto dotarsi in tempi brevi di una connessione funzionante e prestante, stipulando ovviamente onerosi contratti con i vari providers telefonici, i quali a loro vantaggio ovviamente possono modulare ogni servizio per massimizzare gli introiti.

A quanto pare però l’Italia ha lanciato il primo seme verso il cambiamento, infatti il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha avviato il progetto Piazza Italia wifi che mira a portare una rete internet gratuita nei comuni italiani, un’ottima notizia non c’è che dire.

Un terremoto per la svolta

L’idea nacque già dopo li vicende legate al terremoto che colpì Amatrice, infatti si decise di avviare un progetto per offrire a tutti una connessione in modo da restare sempre in contatto con i propri cari.

Al giorno d’oggi sono oltre 5000 i comuni che hanno aderito, anche se il numero continua ad aumentare giorno dopo giorno e continuerà a farlo, a contribuire infatti abbiamo anche Poste Italiane, la quale con molta disponibilità ha messo a disposizione i propri Hotspot per velocizzare tutto il processo.

Se quindi volete accedere a Piazza Italia Wifi, vi basterà accedere alla pagina ufficiale del progetto e controllare se il vostro comune ha aderito all’iniziativa.