blank

Oramai ci stiamo apprestando a lasciarci alle spalle un travagliato 2020, il 2021 in arrivo porterà con se numerose novità soprattutto dal punto di vista tecnologico, con il 5G e il DVB-T2 che su tutti si prenderanno la scena e i riflettori.

Il DVB-T2 sta finalmente arrivando anche in Italia, presto il nuovo standard manderà in pensione quello attuale e porterà con se numerose innovazioni, prima fra tutte un incremento prestazionale a dir poco incredibile, con la possibilità di trasmettere in 8K e una quasi totale assenza di interferenze.

Ovviamente tutto ciò si è reso possibile grazie ad un aggiornamento delle emittenti che si sono dotate di tutta la strumentazione necessaria, il cambiamento però, non può essere unilaterale, infatti anche gli utenti dovranno attrezzarsi per poter ricevere adeguatamente il nuovo segnale, scopriamo insieme come.

Il bivio

Innanzitutto prima di procedere dovete verificare che la vostra televisione sia compatibile o meno con il futuro standard, per farlo vi basterà recarvi sui canali cento o duecento della lista e se visualizzerete il cartello “HEVCTestMain10” allora la vostra TV è già compatibile e non dovrete far altro, il passaggio al DVB-T2 sarà immediato e nemmeno ve ne accorgerete.

Se invece visualizzerete uno schermo completamente nero allora la questione cambierà, infatti avrete due strade percorribili:

  • Strada onerosa: Consisterà nel sostituire il televisore, soluzione molto costosa che ci sentiamo di consigliarvi solo se siete in possesso di un apparecchio davvero antiquato che comunque necessiterebbe di pensionamento.
  • Strada economica: Essa consiste nell’acquisto di un decoder esterno che farà da tramite con il televisore decodificando il nuovo segnale, via certamente meno costosa e accessibile sostanzialmente a tutti.