tiktokLa controversa faccenda che riguarda TikTok sembra che non sia stata risolta negli Stati Uniti. Infatti, ci sono da un lato i gestori della piattaforma social che sono riusciti ad evitare il ban per la seconda volta (quello disposto in estate dall’ordine esecutivo di Trump), e dall’altra il proseguimento della vicenda nelle aule giudiziarie. Proprio a tal proposito, resta sempre in auge l’ipotesi della cessione delle attività statunitensi di ByteDance.

 

 

TikTok: tra la vendita e il possibile ban. Gli utenti, intanto, attendono

Emerge dagli atti processuali che la nuova data secondo la quale ci sarà o la vendita di TikTok o il ban definitivo negli USA è il 4 dicembre prossimo. I potenziali acquirenti della piattaforma sono sempre gli stessi: si parla di Oracle e Walmart. Secondo ciò che riporta Reuters, ByteDance ha da poco fornito al Governo USA un’ennesima proposta per cercare di ottenere l’approvazione della vendita. Questa sarebbe la quinta offerta avanzata dalla società cinese. L’offerta è ora in fase di valutazione da parte degli Stati Uniti.

Molti si chiedono se la vicenda andrà a buon fine, ma purtroppo non è ancora chiaro. Anche perché si potrebbe arrivare ad un ulteriore rinvio del termine all’ultimo minuto per vari motivi. Se tutto dovesse andare bene, Oracle e Walmart si farebbero quindi da garanti del trattamento dei dati personali degli utenti statunitensi di TikTok e della moderazione dei commenti inviati nella piattaforma. In questo modo, si potrà finalmente mettere la parola fine a tutti i dubbi che ci sono riguardanti un possibile spionaggio della Cina nei confronti degli Stati Uniti.