blank

Abbiamo sentito per la prima volta voci la scorsa settimana che Qualcomm ha ricevuto una licenza per fornire alcuni processori per smartphone a Huawei. Sfortunatamente, entrambe le parti si sono rifiutate di commentare il rapporto al momento richiesto dall’Autorità Android.

Qualcomm ha confermato a Reuters di aver effettivamente ricevuto il via libera per vendere chip mobili al marchio cinese.

Insieme alla conferma c’è un grosso avvertimento allegato alla licenza, poiché il produttore di chip statunitense è autorizzato a vendere solo chip 4G all’azienda.

“Abbiamo ricevuto una licenza per una serie di prodotti, che include alcuni prodotti 4G“, ha detto un portavoce di Qualcomm al newswire. Il rappresentante ha confermato che i prodotti 4G erano correlati ai dispositivi mobili e ha aggiunto che Qualcomm aveva ancora più richieste di licenza in attesa di approvazione.
Non si sa nulla sui processori 4G specifici che Qualcomm è in grado di vendere a Huawei, ma potrebbe comunque aiutare il marchio cinese a rafforzare il suo portafoglio di telefoni.

Huawei non è estranea ai chipset Qualcomm, avendoli utilizzati nei suoi smartphone di fascia bassa e media prima del divieto commerciale degli Stati Uniti. Quindi ci aspetteremmo che il produttore cinese adottasse lo stesso approccio questa volta. Dopotutto, ai partner di produzione di chip di Huawei come TSMC è stato impedito di trattare con l’azienda, il che significa che non può più produrre i suoi processori Kirin interni.

Tuttavia, non è chiaro cosa significhi questo ultimo sviluppo per i telefoni di punta dell’azienda, che utilizzano processori Kirin abilitati per 5G per un po’ di tempo. Huawei ha precedentemente confermato che la serie Mate 40 sarà l’ultima ammiraglia alimentata da un chipset Kirin. Quindi presumibilmente l’azienda dovrà utilizzare chip MediaTek accumulati o rivolgersi ai chip 4G meno capaci di Qualcomm se vuole rilasciare le ammiraglie nel 2021.

In ogni caso, questa ultima notizia significa ancora che Huawei potrebbe essere in secondo piano nel 2021, poiché le reti 5G continuano a comparire e i telefoni calano di prezzo.