IPTV: 1000 siti chiusi e addio alla Serie A e alla Champions gratis

Il mondo IPTV ha subito un duro colpo proprio durante gli scorsi giorni, visto che la Guardia di Finanza è stata in grado di oscurare 700 siti web e 300 piattaforme proprio IPTV. Questa operazione è stata portata a termine grazie ad un’indagine del nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche delle Fiamme Gialle.

Sono emersi inoltre dei collegamenti tra la vendita dei contenuti a pagamento e la gestione di alcuni abbonamenti illeciti addirittura da parte della criminalità organizzata. 

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: chiusi oltre 1000 siti, adesso gli utenti hanno paura di essere beccati

L’operazione in questione è stata in grado di bloccare il tutto anche in corso d’opera, visto che alcune partite di serie A dello scorso weekend si stavano giocando quando gli utenti si sono ritrovati di fronte all’avviso di sequestro. 

“Un grande ringraziamento da parte di tutta la Serie A per il prezioso lavoro che la Guardia di Finanza ha fatto e sta facendo per oscurare diverse IPTV che trasmettono illecitamente contenuti audiovisivi. La trasmissione e la visione delle nostre partite, attraverso servizi di streaming illegali, configura un vero e proprio atto criminale che comporta gravi conseguenze sia per le organizzazioni malavitose che le gestiscono sia per gli utenti che ne usufruiscono illegittimamente“, queste le dichiarazioni di Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A.