profezie-Nostradamus-CoronavirusSiamo al culmine dei contagi con un Coronavirus che non risparmia proprio nessuno. Ma l’astrologo francese Nostradamus lo aveva predetto. Sapevano che nel 2020 ci sarebbe stata una “grande peste” responsabile dello scompiglio dei popoli ei di numerosi ulteriori disagi dal punto di vista socio-economico. A quanto pare ci siamo arrivati nel peggiore dei modi. A quanto pare non sarà che l’inizio di una poco rassicurante epopea umana che ci condurrà ad ulteriori preoccupazioni, stress e destabilizzazioni. Ecco che cosa è stato detto anzitempo.

 

Nostradamus ed il Coronavirus: tutto andrà a rotoli ed il Covid è soltanto l’inizio

Previsto per l’anno in corso il virus letale ha fatto breccia nelle nostre vite creando disagi a più livelli. In questi giorni la curva dei contagi è in aumento con una situazione che ci sta conducendo sull’orlo del baratro più assoluto.

Ma nel XV il profeta aveva detto molto di più oltre al Coronavirus nel Mondo. Con avvenente anticipo ha descritto il preludio della storia umana del ventunesimo secolo parlando di atti terroristici e rottura delle stabilità diplomatiche tra i Paesi. Impossibile non considerare i recenti fatti di Francia ed Austria con incursioni nelle sedi nevralgiche della cultura occidentale.

Il seguito racconta che entro il 2025 avrà fine la Terza Guerra Mondiale voluta da due non meglio precisate super potenze internazionali che si batteranno anima e corpo per imporre il loro predominio sul mondo. Non sono chiare le dinamiche ma speriamo di non dover affrontare simili evenienze.

Altrettanto interessante è l’anticipo fornito sulla rivolta della natura contro l’uomo, ora descritta con inondazioni ed uragani incontrollabili in Europa e nel Nuovo Continente. Fatti che stiamo documentando da vicino dopo gli ultimi disagi territoriali causati dal maltempo e dai fattori ambientali traversali.

In tutto questo si scorge però uno spiraglio di sereno avvenire con il progresso medico che dal 2031 potrebbe finalizzare un trend positivo del tenore di vita con un’aspettativa di longevità oltre i 100 anni.