blank

È da diversi anni che nel nostro paese si sta discutendo molto riguardo al possibile stop delle vendite di auto con motori a benzina e a diesel. Il Governo Italiano ha infatti cercato in questi anni di incentivare il settore automobilistico elettrico, in quanto questa tipologia di vetture ha una ridotta emissione di CO2. Nonostante in numerosi paesi europei siano già state prese decisioni importanti in questo senso, fino ad ora in Italia non c’è stato nulla di concreto. Ora, però, è stato approvato un nuovo Odg del deputato del Movimento cinque stelle Giuseppe Chiazzese.

 

Arriva la prima proposta per fermare le vendite di auto a benzina e diesel

Come già accennato, diversi paesi dell’Europa e non solo hanno già cominciato a fare numerose proposte per abolire in maniera definitiva la vendita di auto con carburanti come benzina e diesel. L’Inghilterra, ad esempio, prevede di arrivare a questo stop definitivo entro l’anno 2030, ovvero in anticipo rispetto a quanto aveva previsto. Anche nel nostro paese è arrivata alla fine una prima proposta presente in un Odg approvato alla Camera. Questo Odg è stato proposto dal deputato Giuseppe Chiazzese del Movimento cinque stelle. Secondo questa proposta, le vendite delle auto con questa tipologia di carburante dovrebbero cessare in maniera definitiva entro l’anno 2035.

Il deputato Giuseppe Chiazzese ha così commentato la sua proposta: “Con il mio Odg approvato oggi alla Camera facciamo un importante passo in avanti verso un obiettivo come che è già realtà in altri Paesi europei come Francia, Germania, Regno Unito e Norvegia. Da un lato concorriamo a rispettare gli obiettivi del PNIEC (6 mln di vetture elettriche nel 2030 sulle strade italiane), dall’altro diamo il tempo all’industria automotive di riconvertirsi e di riqualificare le competenze dei lavoratori. L’emergenza Covid ci ha insegnato come sia importante tutelare l’ambiente, la strada intrapresa va nella giusta direzione. Dobbiamo avere una visione del nostro Paese da qui a 30 anni e non c’è più tempo da perdere!”.