Banconote: fate attenzione a quelle da 50 euro, possono essere pericolose

Nel 2017 la Banca Centrale Europea decise di cambiare le vecchie banconote da 50 euro allo scopo di garantire qualità di prodotto e di tutelare i cittadini. Ad oggi tale banconota è quella più diffusa e rappresenta il 46% circa di tutta la carta moneta emessa. Ma perché la BCE ha deciso di cambiarla così precocemente? I motivi sono due. Il primo riguarda la lotta alla contraffazione. Il secondo motivo riguarda la lotta all’evasione fiscale.

 

Banconote: i 50 euro vittime di contraffazione e non solo

Nel 2019, le banconote da 50 euro risultarono le più contraffatte, per questo motivo ben 250.000 su 559.000 carta monete vennero ritirate. Fatto sta che tal denaro va smaltito al più presto. Perché? Il rischio è che, chi tiene una grande quantità di 50 euro vecchie “sotto il materasso”, può da un momento all’altro rimetterle in circolo.

Ricordiamo che i dollari non vanno mai fuori corso per questo sono spesso usati come moneta parallela. Mentre gli euro fuori corso sono costretti alla distruzione. La data in cui le banconote saranno fuori corso verrà ovviamente comunicata in anticipo e le decine di miliardi di euro diventeranno carta straccia.

Ad ogni modo, per le persone comuni, non c’è alcuna fretta di effettuare il cambio. Ci sarà tutto il tempo di sostituire le vecchie banconote con quelle nuove.

Va inoltre sottolineato che vi è la possibilità di richiedere il change presso gli sportelli della Banca d’Italia anche delle banconote rovinate, danneggiate o mutilate. Se le banconote rispettano tutti i requisiti per la rimborsabilità vengono sostituite al momento. Qualora così non fosse le banconote saranno spedite all’amministrazione centrale, dove una commissione di esperti deciderà il loro destino.