canone rai

Gli hacker sono sempre pronti a sviluppare delle nuove truffe per ingannare i consumatori e questa volta hanno pensato bene di impadronirsi della denominazione della Rai, una nota società radiotelevisiva. In rete e soprattutto sui vari social sono diverse settimane che circola la notizie riguardo un rimborso del canone, ma possono richiederlo soltanto i consumatori che ricevono l’apposita e-mail.

Si tratta di un metodo ben studiato dagli esperti della tecnologia per ingannare le loro vittime, impadronirsi delle informazioni personali e accedere al loro conto in banca o in posta per svuotarglielo. Ecco quali sono le informazioni raccolte.

Informazioni rubate e conto corrente svuotato: attenzione a questa e-mail firmata Rai

I conti correnti potrebbero essere svuotati in un attimo con la nuova e subdola truffa sviluppata da un gruppo di hacker. Secondo le informazioni raccolte, hanno rubato la denominazione e il lodo della RAI per inviare delle mail a migliaia di consumatori in modo da avvisarli di un nuovo rimborso disponibile.

In tanti hanno immediatamente seguito le istruzioni e fatto richiesta per riceverlo perché hanno pensato ad un piccolo aiuto da parte della Rai in questa situazione particolare dovuta al Coronavirus come tante altre società hanno fatto per contribuire alla ripresa economica dell’Italia. Purtroppo, però, non è cosi perché seguendo le istruzioni e cliccando su un link inserito all’interno della mail, gli hacker riescono ad accedere a tutte le informazioni inserite. Una volta in possesso di questi dati, riescono addirittura ad accedere al conto corrente con delle attrezzature specifiche.

Meglio prestare attenzione a tutte le comunicazioni che apparentemente possono sembrare ufficiali ed effettuare una ricerca in rete per appurarsi della notizia.