banche-conto-corrente-chiusoI rapporti di alcuni italiani con le banche non sono mai stati così alla deriva. Ultimamente l’intesa con i clienti si scinde dopo la decisione di propendere a favore della chiusura dei conti correnti. Manovra unilaterale che per molti censiti tra le file di Unicredit, BNL, Sanpaolo, BPM ed altri potrebbe sembrare cosa ingiustificata a drastica. Eppure esiste un motivo ben preciso per il quale i soldi non sono accessibili. Ecco spiegato il perché di questa difficile situazione.

 

Soldi in banca bloccati o mancanti: le banche possono chiudere il tuo conto personale

La banca può estinguere il tuo conto personale momentaneamente o a tempo indeterminato. Questo è il caso dei controlli fiscali disposti da Magistratura e Guardia di Finanza. Si punta ad accertare le ipotesi di frode per evasione fiscale causata da scarsa liquidità necessaria per sanare un debito su tasse ed ordini.

Il Sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze Alessio Mattia Villarosa ha ritenuto legittimo il pignoramento dei beni con lo scopo di onorare le giacenze fiscali dovute ai creditori.

Così facendo lo Stato e le agenzie come Equitalia si sincereranno che il cliente paghi quanto dovuto con ogni mezzo necessario. A costui viene fornito un tempo massimo di 60 giorni per procedere spontaneamente al pagamento mezzo conto corrente. In caso contrario un controllo stila i movimenti di denaro ed ottiene un resoconto degli averi. Se sufficienti a colmare il debito saranno prelevati forzatamente nella misura richiesta senza mora ma con nessuna possibilità di rigetto da parte del cliente che non ha più a disposizione la mediazione di un giudice.