unicredit intesa san paolo truffe

I consumatori con un conto corrente attivo sono per l’ennesima volta nel mirino degli hacker e delle loro subdole truffe. Il metodo dei truffatori continua ad essere quello del phishing con l’intento di ingannare le loro vittime e rubargli le credenziali del conto corrente per accedervi e svuotarglielo in un attimo.

Purtroppo la tecnologia innovativa attuale permette di ingannarli sempre più facilmente perché diventa sembra più difficile riconoscere le vere comunicazioni ufficiali da quelle false. Il metodo degli hacker avviene tramite e-mail o SMS, dunque, meglio prestare attenzione alla ricezione di qualsiasi comunicazione.

Truffe: i clienti di Unicredit, Intesa San Paolo e BNL ancora nel mirino degli hacker

Nella maggior parte dei casi gli hacker inviano delle e-mail o SMS che apparentemente sembrano essere inviate dai vari Istituti di Credito per avvisare le loro vittime di un pagamento sospetto o di un accesso recente da un’altra città. Un messaggio preoccupante proprio per far attirare l’attenzione delle loro vittime e fargli aprire la mail in modo da seguire tutte le istruzioni descritte all’interno della comunicazione per risolvere il problema.

Solitamente queste truffe sono accompagnate da link sottostanti che indirizzano le vittime direttamente all’Home Banking per accedervi in modo veloce e verificare il problema. Purtroppo anche se apparentemente sembra essere il solito Home Banking, non è affatto così perché anche in questo caso è opera dell’hacker. Una volta inserite le proprie credenziali, infatti, i truffatori riescono ad accedere automaticamente.

Purtroppo non è colpa dei vari Istituti di Credito se ancora una volta i cyber criminali hanno deciso di attaccare i consumatori con un conto corrente attivo. Difatti, i vari Istituti periodicamente inviano delle comunicazioni ai loro clienti per avvisarli di prestare attenzione ai messaggi che apparentemente sembrano essere inviati da loro perché nella maggior parte dei casi si tratta di truffa. Unicredit, Intesa, BNL e tanti altri Istituti non hanno l’abitudine di avvisare tramite un semplice messaggio comunicazioni di un certo tipo.